Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia”
Duino Aurisina (Trieste)
Dal 11/11/19
al 25/11/19
Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia&r
Concerti Aperitivo: 24 novembre 2019, Gorizia, Le dame, i cavalier, l’arme e gli amori
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 24/11/19
Gruppo Corale Ars Musica
Otto donne e un mistero: un parterre di grandi attrici a Gradisca d'Isonzo
Nuovo teatro comunale di Gradisca d'Isonzo
Gradisca d'Isonzo
Il 26/11/19
8 donne e un mistero

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > Attualità > 20 Gennaio 2016

Bookmark and Share

Presentato il programma del Giorno della Memoria 2016. Nuova sala al museo della Risiera

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - L'apertura della nuova sala del museo della Risiera di San Sabba e l'articolato e vario programma di cerimonie, appuntamenti culturali e iniziative riservate alle scuole, promosso dal Comune di Trieste -insieme al altre istituzioni, associazioni e realtà attive sul territorio- per il “Giorno della Memoria” (ricorrenza istituita dal Parlamento italiano, con legge 211 del 20 luglio 2000, per ricordare l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz e lo sterminio e le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti) sono stati i temi al centro della conferenza stampa odiena nella sala Bobi Bazlen di palazzo Gopcevich, in via Rossini 4 a Trieste. All'incontro sono sono intervenuti tra gli altri gli assessori comunali alla Cultura Paolo Tassinari e all'Educazione Antonella Grim, il direttore dei Civici Musei Bianca Cuderi, il curatore della Risiera di San Sabba Francesco Fait e i rappresentanti delle diverse Associazioni e realtà che aderiscono e partecipano al programma delle iniziative.

“Questo programma -ha detto in apertura l'assessore alla Cultura Paolo Tassinari- si realizza grazie all'adesione e alla collaborazione di tante Associazioni e realtà e si arricchisce ogni anno di nuovi contenuti, ora anche con l'inaugurazione del rinnovato Museo della Risiera”. Sottolineando come sono state intensificate le attività delle scuole a favore della riflessione dei ragazzi, l'assessore Antonella Grim ha invece voluto “ringraziare tutte quelle persone che, durante tutto l'anno, portano avanti questi temi, per fare memoria e portare avanti percorsi di consapevolezza e di cittadinanza attiva”. Il curatore e responsabile Francesco Fait ha ricordato come, nel corso del 2015, sono stati 112.000 i visitatori della Risiera di San Sabba, sottolineando come proprio “il nuovo allestimento del Museo, atteso da quarant'anni, sarà uno strumento che aiuterà e migliorerà la comprensione del luogo, costituendo un'offerta culturale di buon livello”.

Nel rispetto e nella valorizzazione degli ambienti ed arredi originari, la nuova sala del museo della Risiera di San Sabba, che sarà inaugurata domenica 31 gennaio, alle ore 11.00, offrirà una comunicazione corretta, approfondita ed aggiornata della storia della Risiera, grazie all'ausilio di apparati esplicativi tradizionali e tecnologici. Capisaldi del riallestimento sono la riorganizzazione degli spazi e la creazione di una nuova mostra storica multimediale costituita da testi, oggetti, documenti, opere d'arte e contenuti multimediali che si snoda lungo il perimetro della sala secondo i seguenti nodi tematici: La Risiera di San Sabba; Il Lager della Risiera; Gli spazi del lager; Antefatti e contesto storico; Il processo; Il monumento nazionale e il museo. Nel nuovo allestimento, notevole importanza è assunta da un plastico del comprensorio della Risiera di San Sabba che la raffigura nel momento della sua massima estensione topografica, realizzato da studenti e ragazzi dell'Istituto tecnico per geometri “Max Fabiani”. L'intervento di riallestimento e riqualificazione è stato possibile anche grazie ad un importante finanziamento concesso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri del Governo italiano nell'ambito della selezione di progetti per il 70°anniversario della Resistenza e guerra di liberazione (annualità 2013), che ha visto tra i vincitori il progetto dedicato al nuovo Museo della Risiera presentato dal Comune di Trieste. Altro importante contributo finanziario è stato dato dalle Fondazioni Casali, Fondazione benefica Kathleen Foreman Casali, Trieste.

Ritornando al programma per il “Giorno della Memoria”, la parte relativa alle cerimonie e commemorazioni vedrà il suo apice mercoledì 27 gennaio. Alle ore 9.00, a cura della Questura di Trieste e dell’Associazione “Giovanni Palatucci Onlus”, ci sarà la deposizione di una corona d’alloro sulla lapide che nelle carceri del Coroneo ricorda Giovanni Palatucci. A seguire, alle 9.30, a cura dell’Associazione nazionale ex deportati di Trieste, dal Coroneo partirà una marcia silenziosa che raggiungerà la stazione centrale. Alle ore 10.00, in via Flavio Gioia, sarà deposta una corona del Comune di Trieste sulla lapide che ricorda la partenza dei convogli dei deportati verso i campi nazisti, dal settembre 1943 al febbraio 1945. Alle ore 11.00, nella Risiera di San Sabba, monumento nazionale, si terrà la solenne cerimonia del “Giorno della Memoria 2016”.

Per quando riguarda le iniziative riservate alle scuole, martedì 26 gennaio, alle ore 11.30, al politeama Rossetti andrà in scena lo spettacolo “I bambini della Risiera”, scritto e diretto da Noemi Calzolari, con Sara Alzetta e Tony Kozina al Violino e gli allievi dell'Associazione culturale Star Ts Lab. Mercoledì 27 gennaio, alle ore 10.00, al cinema di via dei Fabbri 2/a, proiezione del film di Mauro Caputo “L'orologio di Monaco”. Sempre mercoledì 27, alle ore 10.15, al teatro Miela, incontro sul tema “Profughi ebrei tra Otto e Novecento”, con interventi di delle storiche Tullia Catalan e Cinzia Villani. A seguire, proiezione del documentario “Shores of light. Salento 1945-47: rinascere in Puglia” di Yael Katzir e con l'intervento del produttore Gady Castel. Venerdì 5 febbraio, alle ore 10.00, all'auditorium del Revoltella si terrà la proiezione del film “Dove vi portano gli occhi” di Ivan Andreoli e Fausto Ciuffi.

Tra gli appuntamenti culturali, già domani, giovedì 21 gennaio, alle ore 17.00, nell'aula magna del Dipartimento di Scienze giuridiche di via Filzi 14, si terrà il “3° Convegno dell'Università degli Studi di Trieste sul tema: “Convivere con Auschwitz: i reticolati del nuovo millennio”, cui seguirà, alle 20.00, la performance di teatro “Di segni e di passaggi: dall'aktion T4 alla Risiera di San Sabba”, di Marco Tortul, “Oltre quella sedia, Associazione di promozione sociale Onlus. Mercoledì 27 gennaio, alle ore 15.00, all'auditorium del Revoltella, presentazione del volume “La Poesia è...un tratto d'inchiostro”, cui seguirà alle 16.00, la presentazione del libro di Robert Steegmann “Struthof, le kl-natzweiler et ses kommandos: une nébuleuse concentrationna des deux cotés du Rhin, 1941-1945”. Seguirà, alle ore 17.00, la proiezione del film “Dove vi portano gli occhi” di Ivan Andreoli e Fausto Ciuffi. Ancora, alle ore 18.00, la presentazione del libro di Rosanna Turcinovich Giuricin “Maddalena ha gli occhi viola” e, alle 19.00, la performance teatrale “Di segni e di passaggi: dall'aktin T4 alla Risiera di San Sabba”. Sempre mercoledì 27 gennaio, alle ore 16.30, al teatro Miela, proiezione del documentario “Shores of light. Salento 1945-47: rinascere in Puglia” e, alle 21.00, concerto con musiche di compositori ebrei in fuga dal nazismo, con Davide Casali, clarinetto e Elisa Frausin, pianoforte. Sempre il 27 gennaio, alle 16.30 e alle 21.00, al cinema di via dei Fabbri 2/a, proiezione del documentario di Gerhard Schick “Der klang der worte – Il suono delle parole”.

Tutte le iniziative per le scuole e gli appuntamenti culturali sono ad ingresso gratuito e su prenotazione.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>