Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 21 Dicembre 2015

Mostra personale di Tullio Fantuzzi alla sala comunale d’arte di piazza dell’Unità

Tullio Fantuzzi (Artu), "Casa a Prepoto"

Trieste (TS) - Sarà inaugurata mercoledì 23 dicembre, alle ore 18.30, presso la Sala Comunale d’Arte di Piazza dell' Unità d'Italia 4, la mostra personale di Tullio Fantuzzi (Artu). Presentazione critica di Cristina Visintini.

"Fantuzzi non si è inventato pittore - scrive il critico Cristina Visintini -, ma la sua arte è frutto di preparazione. Dietro a quadri all'apparenza semplici c'è una storia, uno studio profondo, la ricerca di un'espressione unica, specifica, espressione dell'anima vera dell'artista".

"La pittura di Fantuzzi è l'esito di un percorso, che lo ha condotto a rappresentazioni di grande equilibrio. A quadri, silenziosi eppure pieni di parole non dette, forse appena sussurrate. Predilige dettagli architettonici, luminosi, parti sicuramente di una struttura più grande che, però, pur non essendo rappresentata può essere colta in tutta la sua forza e interezza.  Sono dettagli che nascondono una storia, forse dolorosa, forse felice, ma sempre cromaticamente serena, tranquilla anche quando c'è l'uso di toni freddi.  Linee diritte, ma mai rigide, contornano finestre, tetti, oggetti in una pittura razionale e insieme fantastica".

"Le immagini, infatti, ricordano - continua Visintini - aspetti del reale, spingendoci tuttavia ad una elaborazione fantasiosa, libera, emozionante. Fantuzzi elimina gli orpelli e tende ad un ricco minimalismo, ad una semplicità disarmante ma insieme complessa: sembra una contraddizione di termini, ma in realtà non lo è perchè la pittura di Fantuzzi ci lascia liberi di dare rumori, suoni, profumi all'immagine che guardiamo e che ci entra dentro, senza trovare barriere.  La tecnica che usa è laboriosa: affresco su pannello, che gli consente di entrare a diretto contatto con la materia. In questo modo è come se l'artista diventasse "strumento" di espressione della naturalità del mondo  e quindi della vita stessa. I colori non sono solo uno strato colorato, ma sono essi stessi opera d'arte che entra nella vita, uscendo dal quadro e andando a comporre un secondo quadro che abbraccia il primo, quasi ad accompagnarlo nel suo fluire verso l'esterno".

"Non ci sono cornici - conclude il critico - che delimitano la visione obbligandola ad un confine, ma l'apertura verso l'esterno ci dà nuove prospettive e nuove visioni".

La mostra sarà aperta al pubblico sino all'11 gennaio 2016 con orario feriale e festivo 10-13 e 17-20, mentre durante le festività osserverà il seguente orario: il 24 e 31 dicembre 2015, dalle 10 alle 13 e il 1° gennaio 2016 dalle 17 alle 20.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>