Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 14 Ottobre 2015

Bookmark and Share

Da metà ottobre la "spesa sospesa" per aiutare i più bisognosi

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Da metà ottobre negli undici punti vendita della Coop Consumatori Nordest di Trieste è possibile donare un euro o più alla cassa per la spesa delle famiglie in difficoltà che vivono nel nostro territorio. Un piccolo gesto di concreta sensibilità e di grande significato.

L'importante iniziativa è stata presentata ufficialmente oggi (mercoledì 14 ottobre) nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nella sala giunta del Comune di Trieste, alla quale sono intervenuti l'assessore alle Politiche sociali Laura Famulari, il prefetto Maria Adelaide Garufi, Francesca Macuz e Luigi Lendano per il Centro Servizi Volontariato del FVG, Annamaria Rossi Giove per Coop Nordest, Fulvia Presotto direttrice dei Servizi sociali, presenti anche i consiglieri comunali Giovanni Barbo e Anna Mozzi, nonché rappresentanti dell'associazionismo e del volontariato.

Attraverso “Spesa Sospesa”, con un gesto semplice, secondo le proprie possibilità, ogni cliente di Coop potrà donare un euro o più e creare un conto aperto per le famiglie bisognose della nostra città. Chi dona riceverà un regolare scontrino (non fiscale e con un “grazie”) che proverà la costituzione di un conto da utilizzare per la spesa delle famiglie in difficoltà, segnalate dai servizi sociali del Comune di Trieste. Saranno quindi i volontari a raccogliere i bisogni delle famiglie e a preparare la spesa. L’iniziativa nasce per far fronte alle crescenti situazioni di bisogno del territorio. L'obiettivo prefissato è quello di perseguire una distribuzione sempre più attenta, attraverso un lavoro di rete che eviti disparità, recuperi gli sprechi e razionalizzi le risorse, sensibilizzando la cittadinanza sull’esistenza di queste sempre maggiori necessità.

“Spesa Sospesa” coinvolge la Prefettura, nel coordinamento del tavolo di lavoro e dei rapporti con le istituzioni, il CSV FVG, nel ruolo di finanziatore e coordinatore operativo del progetto, l'Assessorato alla Politiche sociali del Comune di Trieste, garante della destinazione dei fondi, le associazioni di volontariato, che metteranno a disposizione le risorse umane per l'iniziativa e Coop Consumatori Nordest.
“E' uno strumento in più di dignità e civiltà per aiutare chi ha più bisogno -ha detto l'assessore Laura Famulari- ed auspico che si possa passare da questa sperimentazione ad un sistema sempre più sviluppato e consolidato”. Ricordando che l'idea parte dal “caffè sospeso” di tradizione napoletana, il prefetto Francesca Adelaide Garufi ha tra l'altro sottolineato “l'attività strutturata e non episodica del progetto”, ribadendo la positiva collaborazione tra istituzioni, realtà dell'associazionismo, del volontariato e la generosità dei singoli. Francesca Macuz per CSV FVG ha invece ricordato la “gestione lunga e meditata del progetto, che risale all'estate scorsa”, e che ha consentito di realizzare un'iniziativa a tempo indeterminato, legata alla disponibilità dei soci delle Cooperative. Annamaria Rossi Giove per Coop Nordest ha infine ribadito “i valori della solidarietà e del mutuo aiuto”, per “un progetto che valorizza la disponibilità di tutti quelli che si sono attivati per realizzarlo”.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>