Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 18 Agosto 2015

Generazioni: al Teatrino Basaglia si proietta il film “N-Capace” di Eleonora Danco

“N-Capace” di Eleonora Danco

Trieste (TS) - Ottavo appuntamento mercoledì 19 agosto alle ore 21, nel Parco di San Giovanni, per la rassegna di cinema all'aperto “Generazioni”, nell'ambito del festival “Teatri a Teatro 2015” promosso e sostenuto dalla Provincia di Trieste. La rassegna, al Teatrino Franco e Franca Basaglia - Foyer Cecchelin con ingresso libero, è curata dall'associazione Casa del Cinema di Trieste.

In programma in prima visione il film “N-Capace” di Eleonora Danco, docu-fiction che indaga il rapporto con il tempo e la memoria tramite lo sguardo autobiografico di una giovane donna, anima in pena, che si aggira tra Roma e Terracina, dove vive l'anziano padre. Esordio cinematografico per l’autrice, regista e attrice romana, è stato presentato in concorso al Torino Film Festival.

Una donna: anima in pena, si aggira tra Roma e Terracina, dove vive l'anziano padre. Vaga tra campagne, mare e città, con un letto e in pigiama. Spesso con un piccone in mano, vorrebbe distruggere la nuova architettura che ha tradito i suoi ricordi. Il rapporto con il tempo e la memoria è motivo di struggimento per lei, unico personaggio lucido del film, il più sofferente. Comunica solo con adolescenti e anziani, compreso suo padre, li interroga sull’infanzia la morte, il sesso, attraverso delle provocazioni, degli stimoli anche fisici. Il corpo e i luoghi diventano sogni, incubi, ricordi. Una intimità tanto personale quanto universale.

Come ha dichiarato la regista Eleonora Danco nel pressbook ufficiale del film, “per le immagini del film mi sono ispirata alla pittura di De Chirico, Giotto, e al cinema di Buñuel, al Surrealismo. Il rapporto con le immagini è stato una forte motivazione. Non ho mai pensato di fare delle interviste, ma delle performance. Delle installazioni fisiche per arrivare alla memoria. Lo strato intimo. Le immagini sono l’inconscio dei personaggi e della realtà che sto trattando. L’impatto materico tra corpo e natura. Che in questo film è un elemento determinante. La musica è un altro elemento molto importante del mio lavoro. L'andamento inconscio delle atmosfere. Per questo la scelta di utilizzare l'elettronica del maestro Markus Acher, che ha aderito subito allo spirito del progetto e con le sue composizioni ha saputo rendere ed esaltare la tensione e l'emozione che cercavo. Il legame tra Terracina e Roma è tra l’infanzia e la vita adulta. La stessa dimensione che avevo nell’adolescenza. Era questo il limite che volevo trattare”.

In caso di maltempo le proiezioni si svolgeranno all’interno del teatro.

Il bar ristorante “Il posto delle fragole”, via de Pastrovich 1, è aperto in occasione degli spettacoli fino alle 23, esclusa la domenica.


INFO: www.provincia.trieste.it e anche www.parcodisangiovanni.it

Provincia di Trieste
U.O. Comunicazione e U.R.P.
tel 040 3798380

Leggi le Ultime Notizie >>>