Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia”
Duino Aurisina (Trieste)
Dal 11/11/19
al 25/11/19
Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia&r
Concerti Aperitivo: 24 novembre 2019, Gorizia, Le dame, i cavalier, l’arme e gli amori
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 24/11/19
Gruppo Corale Ars Musica
Otto donne e un mistero: un parterre di grandi attrici a Gradisca d'Isonzo
Nuovo teatro comunale di Gradisca d'Isonzo
Gradisca d'Isonzo
Il 26/11/19
8 donne e un mistero

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

Notizie > Incontri > 12 Marzo 2008

Bookmark and Share

Al Circolo della Stampa si presenta il libro “A tavola con Dio” di Gianni Di Santo

"A tavola con Dio"

Trieste (TS) - «Un viaggio nella memoria, quando l’odore della cucina ci accompagnava per tutto il resto della giornata. Ma anche un viaggio “antropologico” all’interno del senso vero della parola “cibo”. Scoprendo che cielo e terra, in questi casi, sono meno distanti di quello che si vorrebbe far credere». Queste le premesse, nelle parole dell’autore - il giornalista romano Gianni Di Santo - del libro “A tavola con Dio”, edito dall’Ave, la casa editrice dell’Azione cattolica italiana. Per iniziativa del settimanale “Vita Nuova”, e con il patrocinio dell’Ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, la pubblicazione sarà presentata a Trieste venerdì 14 marzo, alle ore 17, al Circolo della Stampa di Trieste nell’ambito di un incontro aperto alla cittadinanza. Interverranno Graziella Semacchi Gluibich, don Mario Vatta e Marino Vocci, presente l’autore. Al termine dell’incontro il pubblico sarà invitato ad una merenda equa offerta dalla Bottega del mondo “Mosaico per un comune avvenire”, l’associazione di volontariato costituita a Trieste nel 1992 per sostenere e diffondere il commercio equo e solidale.
“A tavola con Dio” non è una guida Michelin della mappa del buon gusto “religioso” in Italia, e nemmeno è un ricettario di cucina. E’ il viaggio nei ricordi e nella memoria di una antica eppure attuale ‘comunione’ che ogni giorno si celebra a tavola – un desco di volta in volta familiare, sociale od amicale – ed è scandito da pagine intense e leggere, che disegnano una pratica della convivialità e della speranza, sapendo che cucinare bene significa dire in anticipo “ti voglio bene”. «Un viaggio culinario e spirituale insieme – spiega ancora l’autore - Vini, olii, formaggi. Ma anche marmellate, liquori officinali, cioccolato. Vigneti e uliveti curati alla vecchia maniera, con mani contadine e cuore da eremita. Dietro il mondo silenzioso di monaci, abati, suore, esiste una spiritualità della convivialità che sa offrire a Dio il meglio della creatività e sapienza umana. Un viaggio tra le abbazie in Italia, ma anche un’incursione europea nel mondo delle birre trappiste e dei distillati scozzesi e irlandesi, dove i religiosi c’entrano sempre. Cibi cucinati e vini prodotti dai monaci, perché i viaggiatori dei secoli passati si rifugiavano nei conventi, più che nelle sparute locande».
Lo scrittore Erri De Luca ha firmato la prefazione, mentre i colloqui dell‘autore con Enzo Bianchi, Giancarlo Bruni, Paolo Rumiz, Pedrag Matvejevic, Rubem Alves e Carlo Petrini contribuiscono a tratteggiare una profonda e umana orazione cristiana. Gianni Di Santo, classe 1965, romano di origine abruzzese, è giornalista professionista. Cresciuto professionalmente alla scuola di Segno 7 di Angelo Bertani, ha continuato poi a lavorare per l’Azione cattolica italiana sia al quindicinale “Segno nel Mondo” che al trimestrale “Dialoghi”, occupandosi in particolare di informazione religiosa, delle pagine culturali e del coordinamento redazionale. Ha inoltre collaborato con l’Ufficio stampa dell’Ac. Oggi lavora al mensile “Segno”. Sommelier iscritto all'Ais (Associazione italiana sommelier) e aderente a Slow Food, segue da anni le tematiche legate ad una cultura enogastronomica che abbia rispetto dGianni Di Santoella terra e di chi la coltiva. È inoltre compositore, arrangiatore e strumentista di strumenti a corde mediorientali, come bouzouky, oud e chitarre del bacino del Mediterraneo. È autore del progetto musicale Madar, con il quale ha vinto un premio internazionale nel 2005 per la migliore canzone italiana su “il dialogo tra i popoli”, organizzato dalla Commissione europea.

Leggi le Ultime Notizie >>>