Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 21 Marzo 2015

Bookmark and Share

Presentato a Brescia il Criterium “Italo Svevo”. A giugno le premiazioni del concorso a Trieste

Un momento della presentazione

Brescia (--) - E' stato presentato alla Libreria “Tarantola” di Brescia il Criterium “Italo Svevo”, il primo concorso nazionale che premia il saper leggere bene. I lettori saranno chiamati a giudicare i libri scelti, esprimendo un voto da 0 a 100 su un'apposita scheda fornita dalle librerie convenzionate. Chi si avvicinerà di più al “giusto giudizio”, ricavato da una media tra i voti dei partecipanti e di un giurato di qualità, riceverà un trofeo originale realizzato dallo scultore Alessandro Starc. La partecipazione al concorso è gratuita e la premiazione avverrà a giugno, durante una cerimonia che si svolgerà a Trieste.

Il Criterium è un concorso che ribalta l'usuale logica del premi letterari, ponendo il lettore al centro e chiamandolo a giudicare le opere in gara, una delle quali – in ogni edizione - sarà sempre di un autore triestino. “Si tratta – ha sottolineato l'ideatore e promotore del trofeo, intervenuto alla presentazione introdotta da Martina Melgazzi - del primo concorso che non premia di fatto autori e libri, bensì i lettori, ovvero “il saper leggere bene”. Lo scopo del Criterium è quello di mettere in gara i lettori attraverso schede di valutazione sui libri “in gara”. “Non mi è mai sfuggito – ha rilevato Gaffi - il ruolo cardine di Trieste, una cerniera che mette in relazione l’est e l’ovest come luogo possibile di audaci equilibri. A questo scopo mira la rinata “Italo Svevo”, con la quale i lettori diventeranno sempre più i protagonisti del nostro progetto editoriale”. Al Criterium hanno già aderito oltre 50 librerie di tutta la Penisola tra le quali appunto la storica libreria bresciana di via Porcellaga.

L'obiettivo dichiarato delle rinate Edizioni Italo Svevo, rimarcato anche ieri a Brescia, è quello di far ritornare Trieste, città di grandi autori (come lo stesso Svevo e Saba) al centro della letteratura in Italia e - anche grazie al Criterium del lettori promosso dalla casa editrice “Italo Svevo” - restituirle il ruolo di capitale letteraria del Paese. “E il Giardino Pubblico “M. de' Tommasini”, dove venne in parte concepita l'opera di Italo Svevo – ha concluso Gaffi – dovrà diventare “il Parco letterario” di Trieste”. Il trofeo “Italo Svevo” che premierà i lettori di qualità è stato realizzato per l'occasione dall’artista Alessandro Starc. Nativo di Villa Opicina, Starc ha realizzato numerose scenografie del teatro ilRossetti, nonché la decorazione pittorica della sua cupole e diverse opere pubbliche, in particolare la nuova fontana di Giano bifronte collocata all’inizio di viale XX Settembre.

Gaffi ha illustrato infine alcuni dei volumi in lizza: “Il cuore freddo di Blondie” di Fabrizio Elefante, “Il libro nero del mondo” di Gabriele Dadati; “La resa” di Fernando Coratelli e ”Una stella in trincea” di Alessandro Demaria. Tra questi, si segnala il saggio della scrittrice triestina Carla Carloni Mocavero sui fatti di Pola del 1947 dal titolo “Maria Pasquinelli, la donna che uccise il generale”.

Partner dell'iniziativa è il gruppo facebook “Morbin de Trieste”, che ha da poco oltrepassato la quota di 10mila iscritti, particolarmente attivo nell'organizzazione di eventi per il rilancio del Giardino pubblico, che curerà una speciale sezione del Criterium dedicata alle poesie in dialetto raccolte nell'ambito di un concorso svolto tra i membri del gruppo.

Per informazioni: www.gaffi.it

Leggi le Ultime Notizie >>>