Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Teatro > 02 Febbraio 2015

Los Vivancos riportano il flamenco al Rossetti nello spettacolo "Aeternum"

Los Vivancos

Trieste (TS) - Bravissimi e sensuali, di elevata tecnica e belli, travolgono gli spettatori con la loro esuberanza, esibendosi in assolo, a coppie o in assieme, con una naturalezza che è segno di una preparazione coltivata fin dall’infanzia: sono Los Vivancos, l’incandescente gruppo dei sette fratelli, musicisti e danzatori provetti, attesi per una data unica al Politeama Rossetti mercoledì 4 febbraio alle ore 20.30. La data è inserita nel cartellone Danza del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Los Vivancos presentano a Trieste il loro nuovo spettacolo, "Aeternum" che scaturisce dal loro singolare e coinvolgente stile di danza, basato sul flamenco.

"Aeternum" attraverso la danza esplora i limiti del soprannaturale e racconta una storia sul bene e il male, unendo arte e virtuosismo. La messinscena sarà ricca delle suggestioni di grandi effetti visivi e scenici, frutto della collaborazione dei Vivancos con un team creativo di prima classe.
Di grande spessore anche la partitura musicale su cui danzeranno i sette artisti: è stata affidata infatti a Fernando Velázquez, compositore di importanti colonne sonore (fra i suoi film ricordiamo The Orphanage di Juan Antonio Bayona, presentato al Festival di Cannes nel 2007 e vincitore di ben 8 premi Goya su 14 candidature, fra cui proprio quella per la miglior colonna sonora).
Le composizioni che Velázquez ha firmato per Aeternum armonizzano flamenco, rock, musica classica, e sono state registrate dalla prestigiosa Orchestra Sinfonica di Budapest, una formazione di oltre 100 musicisti.

Questo particolarissimo universo sonoro è base fondamentale per uno spettacolo che – come è nello stile de Los Vivancos – nasce dalla fusione coreografica di flamenco, danza classica, arti marziali, tap dance, tango-flamenco e magia.
Tradizione e cultura, fantasia e libertà interagiscono felicemente nei loro show, che vibrano anche dell’intesa reciproca e dell’affiatamento di Elias, Judáh, Josua, Cristo, Israel, Aarón, Josué Vivancos – questi i nomi dei sette artisti – che simpaticamente ed a ragione il critico di El Mundo ha definito «sette miracoli del codice genetico».

Danzano infatti con incredibile precisione e irresistibile spontaneità, come sanno bene milioni di fan in tutto il mondo, dato che il fenomeno Vivancos ha da tempo valicato ogni frontiera: le loro tournée sono state accolte da clamoroso successo in 30 Paesi, dall’Europa all’Asia, dal Sud America agli Stati Uniti.

Anche il pubblico di Trieste è già rimasto sorpreso e conquistato dal loro stile coreografico e interpretativo: nel 2010 infatti, avevano spopolato con il loro primo show "7 Hermanos".
Un efficace biglietto da visita per i sette artisti, che interpretano, dirigono e coreografano i loro spettacoli: ognuno dei fratelli vanta una formazione rilevante conseguita in parte assieme agli altri e in parte attraverso studi e esperienze artistiche autonome. Ognuno così si inserisce nell’assieme armoniosamente e nello stesso tempo offre al gruppo – e allo spettacolo – l’apporto della propria decisa personalità.

"Aeternum" è ideato, diretto, coreografato e interpretato da Elias Vivancos, Judáh Vivancos, Josua Vivancos, Cristo Vivancos, Israel Vivancos, Aarón Vivancos, Josué Vivancos. I costumi sono di Rafael Solis, le luci di Sergio Chaparro, il suono di Josep Maria Juncosa.
Lo spettacolo è una produzione Vivancos Project portato in tour in Italia da Live Arts Management.

Lo spettacolo va in scena per il cartellone Danza solo mercoledì 4 febbraio alle ore 20.30; i pochi posti ancora disponibili si possono acquistare presso tutti i punti vendita dello Stabile regionale, i consueti circuiti e accedendo attraverso il sito www.ilrossetti.it alla vendita on line. Ulteriori informazioni al tel 040-3593511.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

Leggi le Ultime Notizie >>>