Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > AttualitĂ  > 23 Gennaio 2015

Bookmark and Share

Grande Guerra: a Cividale si apre la mostra multimediale "Frammenti di memorie"

Frammenti di memorie

Cividale del Friuli (UD) - Ricostruire, a cent’anni dall’entrata dell’Italia nella Grande Guerra, l’Annus Horribilis dell’occupazione austroungarica in Friuli e a Cividale. Con uno sguardo retrospettivo sulla città e i luoghi legati al primo conflitto mondiale sul confine di nord-est, ma anche alla società duramente provata dagli eventi, alle innovazioni tecnologiche che irrompevano con clamore negli scenari bellici, agli assetti istituzionali precari che in molti casi portarono i parroci al governo delle municipalità in guerra. Questo l’obiettivo della mostra multimediale “Frammenti di memorie. Cividale del Friuli e la Società Operaia durante la Prima Guerra Mondiale”, che si inaugura domani, sabato 24 gennaio, a Cividale del Friuli, nella Chiesa di Santa Maria dei Battuti, su ideazione, progetto e realizzazione della Società Operaia di Mutuo Soccorso ed Istruzione di Cividale del Friuli, nell’ambito del progetto “I luoghi della Guerra visti con gli occhi della Pace”, che, per il sostegno della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura, vede capofila il Comune di Cividale del Friuli e partner la stessa SOMSI.

Un percorso espositivo, che resterà allestito fino al prossimo 29 marzo, che si schiude come un grande racconto per immagini, molte delle quali inedite così come parecchi dei documenti esposti in mostra, rintracciati grazie a un certosino lavoro d’archivio.

La mostra sarà inaugurata sabato alle 11.30 nel Chiostro che si trova alle spalle della Chiesa di Santa Maria dei Battuti, dove si terranno i discorsi inaugurali alla presenza dell’Assessore regionale alla Cultura Gianni, Torrenti, del Sindaco di Cividale del Friuli Stefano Ballcoh e del Presidente della SOMSI di Cividale del Friuli, Mauro Pascolini. Seguirà una breve esibizione del Coro della Scuola secondaria di primo grado di Cividale “Elvira e Amelia Piccoli” accompagnato dalla mini-banda “Città di Cividale” che eseguirà quattro brani della Prima Guerra mondiale. Al termine della cerimonia inaugurale la visita alla mostra.

La SOMSI ha voluto accendere un focus speciale sulla comunità cividalese per ritrovare i luoghi della quotidianità negli anni del conflitto, raccontati con documentazione d’archivio, diaristica e apparati iconografici e documentali inediti. Ritroveremo nella mostra i progetti di ferrovia Udine- Cividale- Caporetto e Cividale - Canale d’Isonzo, la visita del Federmaresciallo Von Boroevic, il “leone dell’Isonzo”, a Cividale per l’inaugurazione del ricostruito Ponte del Diavolo e l’acquartieramento logistico dell’esercito italiano a Soravilla di Sanguarzo, con una ventina di eccezionali foto inedite dell’epoca dell’archivio privato di Giuseppe Furlan; dalla ricerca documentale d’archivio emergeranno documenti inediti legati al racconto drammatico dell’occupazione della città, fatto da Mons. Valentino Liva, quale il primo manifesto bilingue affisso a Cividale dagli occupanti austro-ungarici, con provvedimenti inerenti l’ordine pubblico, custodito nell’Archivio Capitolare della Parrocchia di Cividale; attraverso la mostra si toccherà un aspetto poco approfondito dalla storia e storiografia legata al Friuli: quello della profuganza da Cividale e dal territorio verso Firenze, Roma e altre città italiane. Proprio a Roma trovò ospitalità la stessa SOMSI. Poco esplorato, dalla storiografia sul periodo, anche il fenomeno sulle municipalità friulane affidate al governo dei loro parroci, in un periodo decisamente convulso per l’evoluzione degli assetti istituzionali e territoriali.

L’allestimento è articolato in cinque sezioni, Territorio e Società cividalese alle soglie della grande guerra; Cividale nei primi anni della guerra (1915-1917); la ferrovia Udine- Cividale- Caporetto, la disfatta di Caporetto e l’anno dell’occupazione austro-ungarica e la profuganza.

------------------

“FRAMMENTI DI MEMORIE. CIVIDALE DEL FRIULI E LA SOCIETÀ OPERAIA DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE”

Ideazione, progettazione, realizzazione a cura di SOMSI – Società Operaia di Mutuo Soccorso ed Istruzione di Cividale del Friuli

Visitabile da sabato 24 gennaio a domenica 29 marzo 2015

Cividale del Friuli, Chiesa di S. Maria dei Battuti – Borgo di Ponte

Orari:
merc/giov 10.00 - 13.00
ven/sab/dom. 10.00 - 13.00 e 14.30 - 18.00
Ingresso libero
Sono previsti percorsi didattici per le scuole di ogni ordine e grado


INFO:
www.somsicividale.it / www.cividalegradeguerra.it
Infoline: 0432.734116 (Somsi), 0432.710350 (Ufficio Cultura), 0432.710460 ( Informacittà)

Leggi le Ultime Notizie >>>