Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 19 Gennaio 2015

In anteprima a Cinemazero l’ultimo film di Francesca Archibugi “Il nome del figlio”

"Il nome del figlio" (cast del film)

Pordenone (PN) - Martedì 20 gennaio alle 20.30 a Cinemazero sarà possibile vedere in anteprima l’ultimo film di Francesca Archibugi, “Il nome del figlio”, una sorta di remake molto personalizzato di un successo teatrale, "Le Prénom", e cinematografico, “Cena tra amici”. Anche se la storia, la sua ossatura non è stata inventata da zero, qui dentro c'è tutto il mondo di Archibugi, reso perfettamente grazie alla sceneggiatura firmata insieme a Francesco Piccolo.

L'azione è tutta nello spazio di una cena. A casa di Betta (Valeria Golino) e Sandro (Luigi Lo Cascio), ex casa popolare romana trasformata da migliaia di libri e dallo spirito che vi aleggia in casa neoborghese snob, si ritrovano Paolo (Alessandro Gassman) fratello di Betta, Claudio (Rocco Papaleo) amico di sempre, e ultima arrivata ritardataria Simona (Micaela Ramazzotti) moglie incinta di Paolo. In omaggio a se stessa, Archibugi aggiunge i due bambini della coppia ospite, arguti e saggi come sempre i bambini dei suoi film.

Paolo e Betta fanno di cognome Pontecorvo, vengono da una famiglia di sinistra e ricca, nei loro ricordi d'infanzia (flashback) torna spesso una magnifica villa sul mare, riempita dal padre ebreo e intellettuale comunista molto politicizzato e dalla madre spendacciona e viziata.
Fratello, sorella e i due amici sono sempre stati legatissimi, praticamente tutti fratelli. Paolo, anche per ribellarsi a un codice familiare che non era fatto per lui, somaro negli studi e viveur fannullone, si è liberato inseguendo senza vergogna la ricchezza, e ha sposato Simona, di classe inferiore ma personaggio televisivo di successo che ora ha anche pubblicato un romanzo. La rivelazione della scelta del nome del nascituro sarà la goccia che fa traboccare un vaso colmo di una vita intera passata insieme. Betta e Sandro fanno la guardia allo spirito originario ma le incrinature si sprecano: Sandro, professore universitario con la spintarella del suocero potente e ora interamente dedito alla recente scoperta di Twitter, si sente più Pontecorvo di Paolo; Betta, eternamente al servizio del benessere altrui, è stanca e invecchiata anzitempo. Infine il più enigmatico Claudio che tutti credono gay e invece, con la rivelazione finale, lascerà tutti attoniti imponendo la fine di un equilibrio di non detti.

A confermare l’impressione che gli attori si siano divertiti molto su questo set c’è l’importanza data dalla regista all'istintività e l'estemporaneità della recitazione, all'improvvisazione lasciata agli attori che per lei sono sempre prezioso e amato strumento, ma sotto il governo di un metodo e di una tecnica molto pensati e che dimostra di saper perfettamente dominare. Un film irriverente e divertente, che promette di mettere tutti d’accordo.


INFO/FONTE: Cinemazero Ufficio Stampa

Leggi le Ultime Notizie >>>