Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 25 Agosto 2014

Bookmark and Share

Visioni di storia: al Teatrino Basaglia si proietta il film "Per il re e per la patria"

Locandina film

Trieste (TS) - Proseguono al Teatrino Franco e Franca Basaglia - Foyer Cecchelin, nel Parco di San Giovanni, le proiezioni della rassegna cinematografica all'aperto "Visioni di storia. 100 anni di cinema sulla Grande Guerra".
Nel centenario della Prima Guerra Mondiale, la rassegna Visioni di storia ripercorre le tappe del conflitto, in un percorso culturale che incrocia le forme dello spettacolo alle riflessioni storiche, attraverso cent'anni di storia del cinema, mettendo in luce l'evoluzione delle modalità di rappresentazione; un titolo per ogni decennio, a rimarcare l'impatto della Grande Guerra nell'immaginario di un intero secolo, in un programma di dodici serate che saranno presentate da storici e critici cinematografici, per ripercorrere i luoghi e i temi del conflitto.
Tutte le proiezioni, ad ingresso libero, iniziano alle ore 21 e si svolgono all'interno del Parco di San Giovanni al Foyer Cecchelin, in caso di maltempo all'interno del Teatrino.

Lunedì 25 agosto alle ore 21 il calendario presenta il film "PER IL RE E PER LA PATRIA" di Joseph Losey (King and Country, GB, 1964), con Tom Courtenay, Dirk Bogarde, Leo McKern e Barry Foster. Film bellico che, senza ricorrere a immagini violente, propone una profonda riflessione sull’etica militare. Paragonato spesso a Orizzonti di gloria di Kubrick, ha per protagonista un soldato britannico che, dopo aver vissuto tre anni al fronte, a causa di uno choc si mette in marcia per tornare a casa, e nel 1917 viene processato per diserzione di fronte alla corte marziale: il film-dibattito di Losey si trova così in bilico tra un opera di Brecht e un documentario storico sulla Grande Guerra. Il film sarà introdotto da Leonardo Gandini (DAMS, Bologna).

Mercoledì 27 agosto alle ore 21 la rassegna continua con "UOMINI CONTRO" di Francesco Rosi (Italia, 1970), con Gian Maria Volonté, Pier Paolo Capponi, Alain Cuny, Franco Graziosi, Mark Frechette. Un affresco corale, sceneggiato da Rosi assieme a Tonino Guerra e Raffaele La Capria, che reinterpreta, secondo la linea con il cinema militante degli anni '70, il romanzo autobiografico di Emilio Lussu Un anno sull'altopiano (1938), sui tredici mesi di guerra vissuti, dal giugno 1916 al luglio 1917, sull'altipiano di Asiago. Il film sarà presentato da Lucio Fabi (Comitato scientifico interministeriale per la commemorazione del centenario della Prima Guerra Mondiale).

La rassegna cinematografica "Visioni di storia. 100 anni di cinema sulla Grande Guerra" è promossa dalla Provincia di Trieste e curata dall'Associazione Casa del Cinema con la consulenza del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Trieste e fa parte del progetto "Metamorfosi di una città di confine. Trieste 1914. Film, mostre, itinerari, carte d'archivio", realizzato dalla Provincia di Trieste con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e della Fondazione CRTrieste e della collaborazione dell’Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli Venezia Giulia, dei Comuni di Muggia e San Dorligo della Valle-Dolina, della Casa del Cinema di Trieste, del FAI del Friuli Venezia Giulia, dell’Archivio Josef Pangerc e dell’associazione Wunderkammer, nonchè del sostegno dell'UPI - FVG per la valorizzazione dei contenuti storici.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Provincia di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>