Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > AttualitĂ  > 02 Luglio 2014

Bookmark and Share

Al Museo di Storia Naturale si inaugura la mostra "Matematica da toccare"

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Si inaugurerà giovedì 3 luglio alle ore 19, e sarà aperta al pubblico da venerdì 4 luglio e fino al 12 ottobre, al Civico Museo di Storia Naturale di via dei Tominz, “Matematica da toccare (Mathematik zum anfassen)”, la nuova mostra estiva interattiva per bambini e “ragazzi di ogni età” amanti dei giochi e della matematica, realizzata dal Goethe Institut-Triest in collaborazione con il Comune e la SISSA-MediaLab.

“Ma quanto possono essere divertenti il teorema di Pitagora e il Pi-greco?” “Moltissimo se si possono vedere e toccare”, rispondono gli organizzatori sottolineando che la matematica non è solo un astratto insieme di cifre, ma può diventare gioco e divertimento per visitatori di ogni età e formazione.

Ed ecco dunque che, grazie al Goethe Institut di Trieste, è potuta giungere al nostro Museo di Storia Naturale direttamente dopo Budapest e Praga, e con il sostegno del Ministero degli Esteri tedesco, una nutrita selezione di dimostrazioni e giochi provenienti dal famoso “Mathematikum”, il primo Museo interattivo della matematica al mondo che si trova a Giessen, in Germania (visitato da oltre 150 mila persone all’anno).

Si tratta, come detto, di un’iniziativa ugualmente interessante e attraente sia per i “grandi” che per i più piccoli, dagli 8 anni in su (ma anche già dai 6 anni – è stato precisato – in caso di bambini maggiormente “portati” per la matematica). Tutti potranno misurare se stessi, con piena soddisfazione, impegnandosi su 23 diverse postazioni interattive dove la matematica è spiegata in modo accattivante con dadi e specchi moltiplicatori di immagini, cubi e sfere, monitor e bolle di sapone, esperimenti e giochi fisici e geometrici; e venendo opportunamente indirizzati e, quando necessario, “assistiti” dalle bravissime studentesse di matematica della SISSA, coordinate in questo ruolo di “guide volontarie” dal SISSA-MediaLab.

Sarà insomma, più che una mostra, una sorta di "sala giochi didattica", pensata, tra l’altro, non solo per i concittadini e i turisti di lingua italiana, ma anche per i visitatori provenienti dall’estero. Anche in tal senso infatti le spiegazioni di ogni gioco e in tutte le postazioni sono state scritte in quattro lingue: tedesco, inglese, italiano e sloveno.

“Dettaglio” non irrilevante, l’ingresso a “Matematica da toccare”, collocata al pianterreno della sede museale di via dei Tominz, sarà totalmente gratuito, proprio grazie al finanziamento del Governo tedesco e ai contributi di Goethe e Sissa (mentre resterà il biglietto d’ingresso per visitare il resto del Museo). L’orario di apertura (come detto fino a domenica 12 ottobre, giorno della “Barcolana”), sarà il medesimo del Museo di Storia Naturale: ogni giorno dalle 9 alle 13.30, tranne il mercoledì. Saranno però previste alcune aperture speciali prolungate che verranno comunicate di volta in volta.

L’intera iniziativa è stata presentata oggi, allo stesso Museo, dall’Assessore comunale all’Educazione Antonella Grim, dal direttore dei Civici Musei Scientifici Nicola Bressi e dalle direttrice del Goethe Institut-Triest Alexandra Hagemann. Tutti hanno sottolineato come per la prima volta tre realtà importanti e fra loro molto diverse della Trieste culturale, il Museo Civico di Storia Naturale (e perciò il Comune), la SISSA e il Goethe Institut, collaborino “ufficialmente” per lo sviluppo delle conoscenze, del turismo e, in definitiva, dell’intera città.

L’Assessore Grim in particolare ha espresso, con l’occasione, la viva soddisfazione dell’Amministrazione per questa bella iniziativa, ma, più ampiamente, anche per le molteplici altre preziose attività che il Museo di Storia Naturale sta attualmente sviluppando per “trasferire” tanti insegnamenti e aspetti della scienza e del nostro patrimonio naturale e ambientale alle giovani generazioni e ai nostri più piccoli cittadini.

Il direttore Bressi dal canto suo, proprio in tale “linea”, ha manifestato l’intento - stante anche l’attuale periodo di vacanze estive - di voler coinvolgere ragazzi e genitori, “approffittando” della chiusura delle scuole e per offrire un’alternativa interessante anche a chi resterà in città, cominciando con l’invitare a questi “giochi matematici” i ragazzini abitanti nei rioni vicini. Ma anche tutti gli altri, naturalmente.
La direttrice Hagemann ha invece rimarcato come quella di Trieste sarà, assieme a Genova che verrà subito dopo, l’unica “sede” italiana di “Matematica da toccare”.

E mentre è stato anche rilevato il ruolo di “media partner” del quotidiano “Il Piccolo”, è stato anche annunciato che martedì prossimo (8 luglio), alle ore 11 circa, il direttore del “Mathematikum” di Giessen sarà ospite dei microfoni della RAI del Friuli Venezia Giulia per illustrare caratteristiche e “meraviglie” del suo Museo.

Al Civico Museo di Storia Naturale di via dei Tominz si può arrivare anche con i mezzi pubblici, ovvero con i bus delle linee 11, 22 e 18 (sostituita dalla linea 5 nelle domeniche d’estate e a Ferragosto).


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>