Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > AttualitĂ  > 22 Maggio 2014

Bookmark and Share

Prima giornata di lavoro per il seminario "La memoria dei traumi del XX secolo"

La memoria dei traumi del XX secolo

Trieste (TS) - E’ entrato nel vivo, nel primo pomeriggio di oggi al Magazzino delle Idee, "La memoria dei traumi del XX secolo" il seminario organizzato dalla Provincia di Trieste in collaborazione con il Comitato scientifico del Laboratorio della Memoria. L’iniziativa aperta alla cittadinanza, sino ad esaurimento dei posti disponibili contempla una serie di interventi dedicati alla memoria della perdita economica e dell’esilio conseguenza dei conflitti bellici, alle emigrazioni forzate e alle discriminazioni razziali. Le memorie individuali e collettive vengono indagate nel corso del seminario non solo sotto il profilo storico e letterario, ma analizzate da esperti in neuroscienze che operano sul territorio per scoprire anche l’aspetto fisiologico del trauma legato alle vicende accadute.

I lavori, si sono aperti con la presentazione degli atti del Convegno Storia e Memoria. Raccontarsi e Raccontare il passato a cura di Bruna Bianchi, Università Ca’ Foscari di Venezia, un volume in lingua italiana e slovena i cui saggi analizzano con grande intenzione i linguaggi della memoria, nella loro essenza privata e nella loro rappresentazione pubblica.

Sono quindi seguiti Triestini spaesati nella madre patria slovena con Marta Verginella, Università degli Studi di Lubiana/Univerza v Ljubljani, La rappresentazione letteraria dell’esodo a cura di Cristina Benussi, Università degli Studi di Trieste, Spaesamento e marginalità, riflessi nell’attività dei neuroni dell’ippocampo di Alessandro Treves, S.I.S.S.A., Trieste, L’esperienza bellica nei ricordi dei combattenti della Grande Guerra di Bruna Bianchi, Università Ca’ Foscari di Venezia e Dall’Intimo al Pubblico a cura di Silvia Amati Sas, Società psicoanalitica italiana. La sessione è moderata da Giacomo Todeschini, Università degli Studi di Trieste.

Altrettanto ricca di interventi e spunti di riflessione è la giornata di venerdì 23 maggio che si apre al mattino, alle ore 10.30 con l’intervento Il paese più straziato: la Grande Guerra tra lutto e memoria di Fabio Todero, I.R.S.M.L. – FVG, Trieste. Segue Il razzismo coloniale e il mito della purezza del sangue con Maryan Ismail, Associazione Donne in Rete per lo sviluppo e la pace, Milano, Le basi neurali dell’empatia a cura di Giorgia Silani, S.I.S.S.A., Trieste, Comunità in lutto. La memorie dei traumi nel lungo dopoguerra giuliano di Gloria Nemec, I.R.S.M.L. – FVG, Trieste - I.R.C.I., Trieste e Memoria ed emozioni tra processi cognitivi e pregiudizi con Francesco Foroni, S.I.S.S.A., Trieste. Chiude il dibattito, moderato da Anna Maria Vinci, I.R.S.M.L. - FVG, Trieste, Un evento accaduto e un evento ricordato: le Fosse Ardeatine, 1944 – 2014 con Alessandro Portelli, Università La Sapienza di Roma. Nel pomeriggio a partire dalle 15.30 del Film Piran /Pirano (2010) del regista Goran Vojnović, presentato anche in occasione del Festival Alpe Adria Cinema che, in estrema sintesi, vuole rappresentare le problematicità dell’incontro con “l’altro”, della “partenza” e del “ritorno” in una casa occupata da “altri” e il trauma della “perdita”.

Il seminario costituisce un’ulteriore tappa di un percorso avviato dall’amministrazione provinciale nell’ambito delle politiche volte a favorire la diffusione della conoscenza della storia del Novecento che ha portato nel 2012, all’istituzione del Comitato Scientifico del Laboratorio della Memoria, composto da autorevoli rappresentanti degli enti istituzionali, dell’associazionismo e del mondo accademico locali, quali il Comune di Trieste, l’Università degli Studi di Trieste, l’Istituto regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli-Venezia Giulia, le sezioni locali dell’ANPI-VZPI - Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – ANED, Associazione Nazionale Ex Deportati, ANPPIA - Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, l’AVL - Associazione Volontari della Libertà, la SISSA – Scuole Italiana Superiore di Studi Avanzati, I.R.C.I. - Istituto regionale cultura istriana e le Associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati.

Leggi le Ultime Notizie >>>