Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 03 Aprile 2014

Bookmark and Share

Superati i 1300 visitatori alla mostra "Lelioswing, 50 anni di storia italiana"

Lelioswing 50 anni di storia italiana

Trieste (TS) - Prosegue con successo la mostra "Lelioswing, 50 anni di storia italiana" allestita al Magazzino delle Idee (corso Cavour, ingresso dal lato mare). Nei primi quindici giorni di apertura la rassegna ha registrato 1.362 presenze con una media di 90 visitatori al giorno. Intanto venerdì prossimo 4 aprile, alle ore 17, presso l'Auditorium del Magazzino è in programma il secondo appuntamento di Leliomovie, ciclo di incontri e proiezioni legato alla mostra.

L’appuntamento, ad ingresso libero fino ad esaurimento di posti, propone la proiezione di "L'ombrellone" (1965) di Dino Risi, capolavoro della commedia all'italiana "vacanziera" per la quale Lelio Luttazzi fu non solo autore della colonna sonora ma anche uno degli interpreti, accanto a Sandra Milo, Enrico Maria Salerno, Daniela Bianchi, Alicia Brandet, Raffaele Pisu, Leopoldo Trieste, Véronique Vendell e Jean Sorel.

Il maestro della commedia all'italiana Dino Risi, che si divertì a indicare nel cinema stesso un luogo di vacanza dalla vita, ben s'incontra con la malinconia vacanziera di Luttazzi, secondo un tema che riappare anche in altri film cui collaborò, come "L'avventura", "Souvenir d'Italie" e "Venezia, la luna e tu". "L'ombrellone" rientra nell'orbita produttiva e distributiva della massima casa di produzione italiana, la Titanus, qui attraverso il marchio amico dell'Ultra Film. L'introduzione alla proiezione del film è affidata a Sergio M. Germani, direttore del festival I mille occhi, che sta attualmente curando con Roberto Turigliatto un'ampia retrospettiva dedicata alla Titanus per il Festival di Locarno, rassegna che avrà prossimamente alcune tappe di circuitazione internazionali e italiane tra cui Trieste.

L'edizione triestina di "Lelioswing, 50 anni di storia italiana" è promossa e sostenuta dalla Provincia di Trieste e dalla Fondazione Luttazzi con il contributo della Fondazione CRTrieste e la collaborazione de La Cappella Underground, Bonawentura, Casa del Cinema e Casa della Musica.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Provincia di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>