Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > AttualitĂ  > 06 Febbraio 2014

Bookmark and Share

Presentato in Municipio il programma delle manifestazioni del Giorno del Ricordo 2014

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - E’ stato illustrato oggi nel Salotto Azzurro del Municipio di Trieste, l’ampio programma delle manifestazioni del “Giorno del Ricordo 2014” - ricorrenza istituita dal Parlamento italiano, con la legge n. 92 del 30 marzo 2004, in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano dalmata e delle vicende del confine orientale del secondo dopoguerra – e organizzate dal Comune di Trieste, dalla Provincia e dal Comitato per i Martiri delle Foibe con l’adesione di tutte le diverse associazioni e sodalizi patriottici e del mondo dell’Esodo.
 
Numerosi i presenti alla conferenza stampa stamane, a testimonianza della comunanza attorno a questa significativa ricorrenza, a nome delle rispettive associazioni, e introdotta dal vicesindaco del Comune di Trieste, Fabiana Martini, tra cui: per la Provincia, l’assessore Adele Pino, per il Comitato per i Martiri delle Foibe, il presidente (anche nella veste di presidente della Lega Nazionale), Paolo Sardos Albertini, Renzo Codarin (Federazione degli esuli), Massimiliano Lacota (Unione degli Istriani), Braico Emanuele (Associazione delle Comunità Istriane), Dario Rinaldi (Associazione Giuliani nel Mondo), Chiara Vigini e Piero Delbello (IRCI), Giulio Staffieri (Federazione Grigioverde), in rappresenza del gen. Basile, Renzo de Vidovich (Dalmati italiani di Trieste), Fabio Ortolani (Associazione Nazionale Alpini-sezione di Trieste), il cap. Marzio Serra (per il Comando Militare-Esercito del Friuli Venezia Giulia) con Stefano Eliseo, Paolo Radivo (Libero Comune di Pola).

“Il Giorno del Ricordo è una solennità nazionale italiana, che la Repubblica riconosce come ricorrenza al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale – ha detto il vicesindaco Fabiana Martini – Nella giornata del 10 febbraio sono previste numerose iniziative per diffondere la conoscenza di quei tragici eventi ai giovani delle scuole di ogni ordine e grado, favorendo anche la realizzazione di studi e convegni e dibattiti per conservare la memoria di queste vicende. Ma anche per valorizzare il patrimonio storico, culturale, letterario e artistico degli italiani dell’Istria, di Fiume e dei dalmati. Nel 2006, l’allora presidente Carlo Azeglio Ciampi, durante le celebrazioni dichiarò: “L’Italia non può e non vuole dimenticare: non perché ci anima il risentimento, ma perché vogliamo che le tragedie del passato non si ripetano in futuro”.

Discorso ripreso poi nel 2007 anche da Giorgio Napolitano parlando della “necessità di consolidare i lineamenti di civiltà, pace, libertà, tolleranza e solidarietà della nuova Europa che stiamo costruendo da oltre cinquant’anni”. Ha quindi ricordato che sempre lunedì 10 febbraio, Rai 1 trasmetterà, alle 23.45, lo spettacolo di Cristicchi “Magazzino 18” : “che auspichiamo sia seguito da molti giovani”. Il vicesindaco ha quindi annunciato la presenza del presidente del Senato Pietro Grasso alle cerimonie del pomeriggio di lunedì 10 febbraio.

Lunedì 10 febbraio, al mattino, alle ore 10.00, al Monumento Nazionale Foiba di Basovizza, si terrà la cerimonia solenne. Dopo l’ingresso dei Gonfaloni e l’ Alzabandiera, Onori ai Martiri delle Foibe e celebrazione della Santa Messa con la lettura della “Preghiera per gli Infoibati” e gli interventi delle Autorità.
Successivamente una delegazione si recherà a rendere omaggio alla Foiba di Monrupino. Nel pomeriggio è prevista la presenza del presidente del Presidente del Senato, on. Pietro Grasso, alle ore 15.00: deposizione di una corona al monumento all'Esodo di piazza Libertà, alla presenza delle Autorità locali (Prefetto, Presidente Regione, Sindaco, Presidente Provincia); nell'occasione sarà presente un picchetto di 18 militari del Piemonte Cavalleria. per gli onori al Presidente. Seguirà l’incontro nel Palazzo del Governo.

L’assessore provinciale Adele Pino ha evidenziato come “la partecipazione della Provincia è tesa a far sì che questa importante ricorrenza sia ‘trasmessa’ ai giovani. E’ stata anche prevista una seduta straordinaria del Consiglio provinciale al Magazzino 18. Abbiamo anche contribuito ai mezzi di trasporto e a curare la manutenzione del Monumento dell’Esodo”.

“Questa data e la cerimonia al Sacrario di Basovizza –ha sottolineato il presidente Sardos Albertini – rappresentano un evento importante che è entrato a far parte della tradizione, attraverso un percorso che la nostra collettività ha saputo cogliere. Trieste ha vissuto in modo drammatico l’incendio delle divisioni ed è riuscita a parlarne con serenità. Sono eventi, quelli degli Istriani, che riguardano tutta la comunità e vanno valorizzati”.

“L’associazione Grigioverde sarà presente alla cerimonia – ha detto Staffieri – e molte altre associazioni d’Arma si stanno organizzando per la ricorrenza. La triangolazione Trieste-Senato e associazioni sta dando i suoi frutti e mi auguro che i giovani non dimentichino”. Renzo Codarin ha poi parlato della cerimonia prevista al Senato, la mattina, con gli studenti del MIUR (Ministero Istruzione, Università e Ricerca) e del concorso istituito per le scuole: “coinvolgere i giovani è un grandissimo risultato”.

Lacota, oltre alla partecipazione alle cerimonie, ha annunciato l’apertura dell’ex Centro Profughi alle visite (dall’8 al 10 febbraio), tra le altre iniziative, e la presentazione, il 14 febbraio, della terza edizione dell’Albo d’Oro che riporta tutti i Caduti della Venezia Giulia. L’affluenza degli Alpini da tutta Italia già nella giornata di domenica 9 febbraio, per la ricorrenza del decennale e per il Giorno del Ricordo, oltre alla Protezione Civile e al Coro, è stata quindi annunciata da Fabio Ortolani, che ha sottolineato l’importanza della trasmissione della conoscenza anche attraverso le numerose testate: oltre 100 delle sezioni italiane, più l’ampia diffusione con 100mila copie, dell’edizione del giornale ‘L’Alpino’”.Dario Locchi ha poi ricordato come in questi giorni i circoli dei Giuliani nel Mondo, dall’Australia all’Argentina, al Sudafrica agli USA, al Canada, daranno vita a manifestazioni a riconferma dell’attaccamento alle terre d’origine e all’identità, non solo ai protagonisti di quelle vicende ma anche ai loro figli e nipoti”.

“Salvaguardare i principi e la storia dell’esodo collegate ad altri Paesi fa parte della nostra missione – ha detto de Vidovich -. Paolo Radivo ha parlato della presentazione di un libro in tre importanti volumi, dal 21 luglio del ’45 al 21 dicembre del ’47, frutto di un grande lavoro di ricerca degli eventi storici di quel periodo.

Delbello ha quindi ricordato l’apertura delle visite al Magazzino 18, ai reperti e alle masserizie testimonianze dell’esodo, (previa prenotazione all’IRCI,via mail o telefono; visite alle 10, 10.45, 11.30, 12.45) per cui sono già moltissime le prenotazioni. Braico ha segnalato la visita in programma il 10 febbraio al Comune di S.Quirino, dove l’associazione è stata invitata per far conoscere alle scuole e agli studenti le testimonianze.

Infine è stato segnalato il raddoppio delle pagine riguardanti il Friuli Venezia Giulia e il mondo degli Esuli, della Voce del Popolo. Per non dimenticare.


------------


Altre iniziative in programma da sabato 8 febbraio:

8, 9, 10 febbraio
Apertura straordinaria del Museo di Carattere Nazionale C.R.P. di Padriciano con orario 10.00-12.00 e 14.00-16.00 a cura dell’Unione degli Istriani – Libera Provincia dell’Istria in Esilio

8, 9, 10 febbraio
ampliamento dell’orario del Centro di Documentazione della Foiba di Basovizza, che sarà aperto dalle 10 alle 18 a cura della Lega Nazionale

8 febbraio
deposizione di corone:
ore 10.30: deposizione di corone alla stele di Norma Cossetto
ore 11.00: deposizione di corone al Monumento all’Esodo di Piazza Libertà e sul Silos
ore 11.45: deposizione di corone al Monumento agli Infoibati sul Colle di San Giusto
ore 12.00: deposizione di corone al Monumento ai Caduti e al Monumento alle Vittime dell’eccidio di Vergarolla sul Colle di San Giusto
ore 12.40: deposizione di corone al Monumento all’Esodo a Rabuiese a cura dell’A.N.V.G.D., Ass. Comunità Istriane, Libero Comune di Fiume in Esilio, Libero Comune di Zara in Esilio – Dalmati Italiani nel mondo; della Lega Nazionale, dell’Unione degli Istriani – Libera Provincia dell’Istria in Esilio
ore 17.30: Sede dell’Associazione delle Comunità Istriane (Via Belpoggio 29/1) - presentazione della ristampa anastatica del periodico “L’Arena di Pola” inerente agli anni 1946, 1947, 1948 da parte del gen. Silvio Mazzaroli a cura dell’Associazione delle Comunità Istriane, dell’A.N.V.G.D., del Libero Comune di Pola in Esilio

11 febbraio
ore 16.30: Sala Maggiore di Palazzo Tonello (Via Pellico, 2) - cerimonia di conferimento del premio “Histria Terra” 2014 a cura dell’Unione degli Istriani – Libera Provincia dell’Istria in Esilio

11, 12, 13, 14 febbraio
orario mattutino: visite guidate al Magazzino 18 su prenotazione contattando irci@iol.it oppure telefonando allo 040 639188 a cura dell’Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata (I.R.C.I.) di Trieste

14 febbraio
ore 16.30: Sala Maggiore di Palazzo Tonello (Via Pellico, 2) - conferenza pubblica “Il Giorno del Ricordo dieci anni dopo” a cura dell’Unione degli Istriani – Libera Provincia dell’Istria in Esilio

15 febbraio
ore 17.30: Sede dell’Associazione delle Comunità Istriane (Via Belpoggio 29/1) - presentazione del volume edito dal Circolo di Cultura Istro-veneta “Istria” “Sono andato via” di Biagio Mannino da parte di Carmen Palazzolo e Livio Dorigo a cura dell’Associazione delle Comunità Istriane

21 febbraio
ore 16.00: Sala Maggiore di Palazzo Tonello (Via Pellico, 2) - presentazione della terza edizione aggiornata e rivisitata del volume “Albo d’oro - La Venezia Giulia e la Dalmazia nell’ultimo conflitto mondiale. Primo volume - Provincia di Trieste” a cura dell’Unione degli Istriani – Libera Provincia dell’Istria in Esilio

22 febbraio
ore 17.30: Sede dell’Associazione delle Comunità Istriane (Via Belpoggio 29/1) - presentazione del volume “L’ultimo testimone” di Andrea Romoli da parte di Gianni Oliva, Andrea Romoli e Sergio Conci a cura di Federesuli, dell’A.N.V.G.D., dell’Associazione delle Comunità istriane, del Libero Comune di Pola in Esilio

28 febbraio
ore 17.00: Sala conferenze della Biblioteca Statale di Trieste (Largo Papa Giovanni XXIII 6) - presentazione del numero monografico di “Qualestoria. Rivista di storia contemporanea” 2/2013 sul tema “Osimo: il punto sugli studi” curato da Raoul Pupo
a cura dell’IRSML - FVG di Trieste
ore 17.30: Sede dell’Associazione delle Comunità Istriane (Via Belpoggio 29/1) - filmato sull’Esodo a cura del giornalista Valentino Vitrotti a cura dell’Associazione delle Comunità Istriane


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>