Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 01 Dicembre 2013

Bookmark and Share

Gli occhi dell’Africa 2013: a Cinemazero si proietta “Town of Runners” di Jerry Rothwell

“Town of Runners” di Jerry Rothwell

Pordenone (PN) - Gli appuntamenti pordenonesi con "Gli occhi dell’Africa" organizzati da Cinemazero, Caritas Diocesana Concordia-Pordenone e Bottega del Mondo l’Altrametà continuano lunedì 2 dicembre con “Town of Runners” di Jerry Rothwell, alle 20.45 a Cinemazero. Penultima proiezione di questo ciclo, il documentario – presentato con successo al Tribeca Film Festival – fotografa le vite e le speranze dei bambini protagonisti, desiderosi di seguire le orme dei loro eroi locali, dalla pista della scuola alle gare internazionali di corsa. Perché loro non abitano in un posto qualunque, ma in una cittadina nel centro dell’Etiopia che ha sfornato cinque corridori olimpionici.

Si chiama Bekoji e i suoi abitanti la chiamano la città dei corridori. Hawii e Alemi, due amiche di 14 e 15 anni, sono nate e si allenano lì, e sperano di correre velocemente verso un futuro diverso, migliore. Il documentarista Jerry Rothwell segue gli allenamenti che il coach Sentayehu Eshetu – fondatore della tradizione sportiva a Bekoji – tiene per tutti i ragazzi della città, nelle gare, e, infine, nel passaggio nei nuovi club creati dal governo per lanciarli verso il successo. Il film segue tre anni della loro vita, dall'infanzia all'età adulta. Sullo sfondo giocato sui contrasti tra i segni tangibili del cambiamento del Paese – come la costruzione di una strada di asfalto costruita dai cinesi che collegherà Bekoji con il resto dell’Etiopia – e l’immutabilità del ritmo delle stagioni che una città rurale Bekoji rispetta, il regista accompagna lo spettatore nei sogni e nelle fatiche di queste ragazze. Lontano dalle famiglie, si svegliano all’alba per correre, ma si scontrano con la mancanza di fondi per loro, e con la malizia di chi trucca le gare, mentendo sull’età degli atleti.

Come ha puntualmente detto il regista: “Il recente arrivo della televisione e internet, in combinazione con lo sviluppo di strade e collegamenti di telefonia mobile da parte dei cinesi, mette gli adolescenti di questa generazione al confine tra tradizione e modernità. Il film scava nella vita dei bambini per comprendere cosa significa davvero per loro correre, per creare un ritratto della gioventù etiope che non utilizzi solo la lente standard della povertà e della fame, ma quella dell’ambizione e della speranza”.

Rothwell dunque segue da vicino la crescita, atletica ed emotiva, delle ragazze in questa avventura, costruendo una vera e propria storia di formazione. L’ambizione, la fatica, la soddisfazione e la delusione, documentate col respiro, col sudore e con la polvere sollevata, ma anche con il paesaggio circostante, protagonista tanto quanto i corridori.


INFO/FONTE: Cinemazero Ufficio Stampa

Leggi le Ultime Notizie >>>