Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 18 Novembre 2013

Bookmark and Share

Cinemazero ripropone i grandi classici "restaurati" della settima arte

Scena dal film "Il Gattopardo" di L. Visconti

Pordenone (PN) - Cinemazero continua con la proposta dei grandi classici riportati agli antichi splendori del grande schermo grazie al lavoro di restauro realizzato dalla Cineteca di Bologna, e inserisce nel suo calendario un appuntamento al mese, in concomitanza dell’uscita nazionale dei capolavori scelti dall’istituzione bolognese in collaborazione con The Film Foundation di Martin Scorsese.

Dopo Hitchcock, arriva martedì 19 e mercoledì 20 novembre alle 21.00 “Il Gattopardo” di Luchino Visconti. Ad introdurre il film un breve documentario di tredici minuti realizzato da Alberto Anile e Maria Gabriella Giannice, “I due gattopardi”, che mostra le complesse vicende che portarono il romanzo di Tomasi di Lampedusa sul grande schermo e le scene tagliate dallo stesso Visconti per la presentazione a Cannes e mai più reinserite, oltre a permettere un raffronto con la qualità delle immagini pre e post restauro. Alla Palma d’oro per il miglior film alla 16ª edizione del Festival di Cannes bisogna aggiungere anche un Premio Feltrinelli per la Regia cinematografica, un National Board of Review Awards per il miglior film straniero, un David di Donatello per il miglior produttore a Goffredo Lombardo, 3 Nastri d’argento (fotografia, scene, costumi) e svariate nomination.

Lista completata di recente con un nuovo prestigioso riconoscimento: a Piero Tosi infatti, costumista e collaboratore di lunga data di Luchino Visconti, l’Academy ha deciso di conferire un Oscar alla carriera, dopo cinque nomination inaugurate proprio da quella per “Il Gattopardo”. Film in costume nato dal racconto storico di Giuseppe Tomasi Di Lampedusa tra il 1954 e il 1957, “Il Gattopardo” è un affresco senza tempo delle contraddizioni dell’Italia, che nell’intenso e indimenticabile Burt Lancaster, affiancato da un cast mozzafiato del calibro di Alain Delon e Claudia Cardinale trova la sua perfetta rappresentazione.

Gli amanti del cinema possono segnare le date dei prossimi appuntamenti, che riporteranno in sala “Risate di gioia” di Mario Monicelli (dal 9 dicembre), “Ninotchka” di Ernst Lubitsch (dal 6 gennaio), “The Gold Rush – La febbre dell'oro” di Charlie Chaplin (dal 3 febbraio), “La grande illusione” di Jean Renoir, (dal 3 marzo), “Roma città aperta” di Roberto Rossellini (dal 31 marzo), “Hiroshima mon amour” di Alain Resnais (dal 28 aprile), “Chinatown” di Roman Polanski (dal 26 maggio).


INFO/FONTE: Cinemazero Ufficio Stampa

Leggi le Ultime Notizie >>>