Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 01 Novembre 2013

Eventi collaterali alla mostra "Robert Capa, la realtà di fronte" allestita a Villa Manin

Robert Capa, la realtà di fronte

Codroipo (UD) - In occasione della mostra fotografica retrospettiva "Robert Capa, la realtà di fronte", realizzata in concomitanza del centenario della sua nascita, Villa Manin organizza un'articolata serie di attività collaterali finalizzate ad approfondire specifici aspetti della vita di Robert Capa, della sua professione di fotografo e della sua fitta rete di relazioni con figure di spicco dell'arte, della cultura e del cinema internazionali.

Ogni fine settimana sono previsti incontri, proiezioni di documentari inediti in Italia e di film, diretti da Robert Capa, come nel caso di "The Journey", o ai quali il fotoreporter ha collaborato in Spagna e in Cina negli anni Trenta. Testimonianze e materiali che permetteranno di conoscere meglio la figura del fotografo di origine ungherese naturalizzato americano e di completare così il percorso espositivo.

Un calendario di oltre una ventina di appuntamenti che prende avvio sabato 2 novembre e proseguirà sino al 19 gennaio, giorno di chiusura della mostra, in cui la vita avventurosa di Robert Capa sarà ricostruita, seguendo le tracce della sua leggenda, con il contributo di specialisti e studiosi che arriveranno a Passariano anche dalla Francia e da Israele.

Il primo appuntamento in programma sabato 2 e domenica 3 novembre, alle ore 17.00 presso la sala conferenze di Villa Manin, è la proiezione del film "L'Homme qui voulait croire à sa légende" (L'uomo che voleva credere alla sua leggenda, 2004) regia di Patrick Jeudy, prod. Point du Jour, Francia, durata 52 minuti. Versione originale con sottotitoli in italiano. Un documento inedito per l'Italia.
La vicenda biografica di Robert Capa è ricostruita grazie all'utilizzo di straordinarie immagini e video d'archivio. Secondo i suoi sostenitori e i critici l'avvenimento che costituisce la pietra miliare della vita di Capa è quello in cui fotografa il miliziano colpito a morte. Il documentario parte da questa fotografia per rivisitare tutta la sua vita. La questione della sua autenticità sarà il nodo di tutta la storia. Capa ha costruito la sua leggenda anche attraverso qualche bugia, come quella dell'invenzione del suo pseudonimo che doveva accreditarlo come fotografo "americano", e in seguito ha voluto riscattarsi avvicinandosi quanto più possibile alla verità, anche a costo di correre gravi pericoli.
Il documentario riesce a far emergere la personalità complessa di questo grande fotografo, colui che costruì "la propria leggenda".
Introduce la proiezione Marco Minuz curatore della mostra.


INFO UTILI:
Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero e fino ad esaurimento posti disponibili; si terranno presso la Sala Convegni - Villa Manin Passariano (Udine).
Su richiesta delle scolareschee dei gruppi organizzati di almeno 30 persone è possibile proiettare i film in programma nell'orario di apertura della mostra al di fuori delle date previste nel calendario di "Sulle tracce di Robert Capa".
Il programma è stato curato da Antonio Giusa con la collaborazione di Piero Colussi e Marco Minuz ed è disponibile sul sito www.villamanin-eventi.it.

Leggi le Ultime Notizie >>>