Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia”
Duino Aurisina (Trieste)
Dal 11/11/19
al 25/11/19
Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia&r
Concerti Aperitivo: 24 novembre 2019, Gorizia, Le dame, i cavalier, l’arme e gli amori
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 24/11/19
Gruppo Corale Ars Musica
Otto donne e un mistero: un parterre di grandi attrici a Gradisca d'Isonzo
Nuovo teatro comunale di Gradisca d'Isonzo
Gradisca d'Isonzo
Il 26/11/19
8 donne e un mistero

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

Notizie > Incontri > 27 Ottobre 2013

Bookmark and Share

Irse: al centro culturale di Casa Zanussi si parla di cellule staminali e cervello

Irse, cellule staminali e cervello

Pordenone (PN) - “Staminali e cervello”, un tema di stretta e pressante attualità sarà al centro del terzo appuntamento del ciclo “Affascinati dal cervello”, promosso dall’Irse Pordenone al Centro culturale Casa Zanussi, dedicato quest'anno al tema Neuroscienze per nuove consapevolezze. Mercoledì 30 ottobre, alle 15.30 nell’Auditorium di Casa Zanussi (via Concordia 7 – Pordenone), appuntamento con un esperto di riferimento per il dibattito intorno alle staminali, il biologo Giampiero Leanza, membro del Centro Interdipartimentale per le neuroscienze B.R.A.I.N. e responsabile del Laboratorio di neurogenesi e riparazione, dal 2008 coordinatore del Corso di laurea magistrale internazionale in neuroscienze dell’Università di Trieste.
Ingresso libero, gradita l’iscrizione, facendo pervenire i propri dati alla Segreteria Irse: irse@centroculturapordenone.it, tel 0434 365326.

Di cellule staminali si è parlato molto in questi mesi, e il tema è prepotentemente tornato a far parlare di sé dopo la recentissima decisione del ministero della Salute di bloccare la sperimentazione clinina del metodo “Stamina”. L'argomento investe dunque la ricerca scientifica, le attese dei malati e gli interessi economici, e qualsiasi discussione sul tema implica una doverosa responsabilità d’azione. Esiste la possibilità di ‘aiutare’ dall’esterno, mediante manipolazioni opportune, il potenziale terapeutico delle cellule staminali neurali?

«Qualunque sia la strategia, la ricerca di base ha ancora molto lavoro da fare – anticipa il prof. Leanza - per chiarire gli eventi che seguono al danno cerebrale, i meccanismi alla base del differenziamento e dell’integrazione delle cellule staminali endogene attivate o di quelle impiantate e i requisiti necessari alla migliore espressione delle loro potenzialità funzionali e riparative. E la comprensione delle proprietà di queste cellule è assolutamente fondamentale, prima del loro impiego clinico...».

Giampiero Leanza, professore associato di Fisiologia presso Dipartimento di Scienze della Vita, Università di Trieste. Ha trascorso lunghi periodi di formazione e ricerca presso l’Università di Lund (Svezia), prima in qualità di Ph.D. fellow, Post-Doc e Visiting Scientist e, successivamente, come Visiting Professor. È responsabile del Laboratorio di Neurogenesi e Riparazione, ed è membro del Centro Interdipartimentale per le neuroscienze B.R.A.I.N. Dal 2008 coordina il Corso di Laurea Magistrale InGiampiero Leanzaternazionale in Neuroscienze (International Masters Degree in Neuroscience) dell’Università di Trieste. La sua attività di ricerca è incentrata sulla sopravvivenza, sviluppo, differenziamento e capacità funzionale di cellule staminali o precursori neurali dopo trapianto; e sulla modulazione monoaminergica della neurogenesi ippocampale e delle abilità cognitive.

Leggi le Ultime Notizie >>>