Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 21 Settembre 2013

Alla Lux Art Gallery si inaugura “Per tutto l’oro del mondo” di Paolo Cervi Kervischer

Paolo Cervi Kervischer, "Per tutto l'oro del mondo" - acrilico su tela 2013

Trieste (TS) - S’inaugura sabato 21 settembre alle 19 negli ampi spazi della Lux Art Gallery (via Rittmeyer 7/A) di Trieste, diretta da Giorgio Parovel, un’importante rassegna intitolata “Per tutto l’oro del mondo”, che propone l’ultima produzione del pittore triestino Paolo Cervi Kervischer, artista di punta del linguaggio espressionista contemporaneo, e che sarà presentata da Maria Campitelli. La rassegna rientra nell'ambito dell'iniziativa benefica "Ottobre in rosa" promossa della LILT - Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, di cui Paolo Cervi Kervischer è testimonial.

"In mostra una ricca e affascinante sequenza di opere realizzate a tecnica mista, in cui l’astrazione s’intreccia spesso a una personale e coinvolgente interpretazione del lessico figurativo. Il tema dell'oro - spiega Kervischer - entra in gioco nelle innumerevoli metafore che sollecita e nessuna di esse è privilegiata in maniera particolare. Il rapporto con i volti e con i corpi nei quadri cosiddetti "aniconici", può essere anche una sottolineatura dell'universalità del simbolo: tutto entra in relazione con l'oro, come tutto entra in relazione con l'economia e allo stesso tempo l'economia e l'oro entrano in relazione con l'umano. L'oro è simbolo di preziosità anche nei rapporti umani... come sbarazzarcene?".

La mostra è visitabile fino al 19 ottobre 2013 (orario 17-20/ sab 15 giugno 10-13 e 17-20/ dom e merc chiuso/ info 3347231216/ giorgioparovel@yahoo.it).


Paolo Cervi Kervischer è nato a Trieste dove vive e lavora. Nel 1968-77 studia con Nino Perizi presso la Scuola libera di figura al Museo Revoltella, si diploma quindi in pittura con Emilio Vedova all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Opera con mostre personali e installazioni in Italia (Trieste, Venezia, Padova, Portogruaro, Treviso, Bologna e Milano) e in area mitteleuropea (Austria, Croazia, Germania, Ungheria, Bosnia). Nel 1982 ha lavorato in Francia a Nancy ed Epinal con interventi collegati a ricerche di poesia visiva.

Ha sviluppato ricerche di fotografia creativa e combinata. Numerose sono inoltre le performance ( “Suonare se stessi” Teatro Pollini, Padova,1983; “Tra Musica e Pittura” con Maci Forza, Trieste, 1991; “Topkapynewyork”, 2002; “Copiare il maestro”, Trieste, 2002 e “Corpi vaganti vacanti”, 2006) e le installazioni ( “Dalla Pittura del Simbolo al Simbolo della Pittura”, Muggia, Cappella del Crocefisso, 1980; “Mondialismo”, Palazzo Costanzi di Trieste, 1998; “Proveder”, Portici Inattuali, Sitran (Belluno) 2001; “Tutti Frutti - Il coniglio non ama nessuno”, “I Colonos” Villacaccia di Lestizze (Udine) 2004; “Spersi nella Mente”, Video Installazione, Galleria Luka, Pola 2005. A Trieste è presente nel 2010 alla Galleria Trart con la personale “Love or fear”, nel 2011 a Palazzo Costanzi con la personale “Essere nel passo del tempo” e al Magazzino 26 - Biennale diffusa con “Eve and Adam”; nel 2013 partecipa in Messico alla collettiva organizzata dal Gruppo 78.
Dal 1980 è fra i partecipanti agli incontri internazionali (Colonie) nell’area Mitteleuropea.

Dal 1991 esegue dal vero i ritratti dei poeti italiani e stranieri contemporanei (in parte selezionati e pubblicati dalla rivista “Equivalences” di Madrid nel 1994) e poi raccolti e stampati (30 ritratti) assieme ai diari degli incontri nel “Taccuino di viaggio, ritratti di poeti (1989-2002)”, edito da “Ramo d'Oro” nel 2002 e presentati al 7° Rencontres Europeennes du livre, Dom Policie, Sarajevo, a “Pordenonelegge”, Ex Convento di San Francesco a Pordenone, 2002, e alla mostra “Portale Poetico”, Lattuada Studio, a cura di Francesca Alfano Miglietti (Milano).

Ha realizzato per Illy Collection la tazzina “Toon Gee” (1992) e la serie speciale di tazzine “Basket Playground” (1996).
Dal 1992 insegna Arte Moderna e Contemporanea, Disegno, Pittura e Studio dell'Anatomia nel suo Laboratorio.
Dal 2008 è visiting professor di storia dell'Arte presso l'Università di Banja Luka.
Nel 2007 gli è stata dedicata da Irene Valente la tesi di laurea "Paolo Cervi Kervischer - Catalogo ragionato 1978/2002" (testo con biografia completa, 580 opere esposte e/o pubblicate, il catalogo delle opere e i testi della critica).

Leggi le Ultime Notizie >>>