Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 24 Giugno 2013

Bookmark and Share

Con la commedia "Oki’s Movie" si chiude la rassegna sul cineasta sudcoreano Hong Sang-soo

Scena dal film "Oki’s Movie"

Udine e Pordenone (--) - Con la commedia "Oki’s Movie" si chiuderà mercoledì 26 giugno, al Visionario di Udine (alle 17.30 e alle 21.00) e a Cinemazero di Pordenone (alle 21.00), la preziosa rassegna "Hong Sang-soo, piccolo ritratto di un grande maestro", dedicata dalla Tucker Film a uno dei pilastri del glorioso rinascimento cinematografico sudcoreano. Un regista libero ed eccentrico, sempre fedele al proprio motto: «Basta poco per osservare la vita da un punto di vista allegro».

Titolo di chiusura del 67° Festival di Venezia, "Oki’s Movie" è diviso in quattro capitoli, ambientati in tempi e in luoghi diversi ma popolati dagli stessi personaggi. Il film ruota attorno al triangolo amoroso tra la bella e timida Oki, il professore universitario Song e l'imbranato Jin-Gu, che eccede in bacco e tabacco. L'uomo, la donna, l'alcool, le sigarette, il cinema. Hong Sang-soo si ripete, ma è sempre enorme e tocca sempre con sarcasmo e cinismo l'animo umano, indagando con passione e simpatia il rapporto di coppia e tra i sessi.

"Oki's Movie" è una ballata passionale dove i protagonisti lottano per combattere la solitudine. Ma non è tanto la trama che deve interessare, quanto la magnifica (davvero magnifica) ricostruzione dei rapporti tra i personaggi, straordinariamente approfonditi e cesellati dall’inimitabile mister Hong…

Ricordiamo che, per il ciclo "Piccolo ritratto di un grande maestro", al CEC di Udine il prezzo del biglietto sarà di 5 euro (sono valide le riduzioni Erdisu per gli studenti universitari). Anche a Cinemazero di Pordenone il prezzo del biglietto sarà di 5 euro ma i possessori della CinemazeroCard e gli adepti FEFF che esibiranno il pass del Festival udinese saranno premiati con la riduzione a 4 euro.

Dopo quasi vent'anni di carriera e dopo le numerose partecipazioni a Cannes, Berlino e Venezia, sempre applaudite dalla critica, Hong Sang-soo rimane ancora un pianeta parzialmente inesplorato dalle platee occidentali e assente in Italia. E l’arrivo di In Another Country (prima opera del regista distribuita nelle sale nazionali, sempre sotto il segno della Tucker Film, a partire dal 22 agosto), assieme alle tre commedie selezionate per il ciclo, rappresenta un’occasione fondamentale per accorciare le distanze. Un’occasione che mette in evidenza «l’arguzia impareggiabile di un autore che è imperativo scoprire».

La Tucker Film, nata dall'unione tra il Centro Espressioni Cinematografiche di Udine (organizzatore del Far East Film Festival) e Cinemazero di Pordenone, ha distribuito con successo in Italia tre titoli preziosissimi del nuovo cinema asiatico ("Departures", "Poetry" e "A Simple Life") e, proprio in questi giorni, il capolavoro giapponese "Confessions".


INFO/FONTE: Ufficio Stampa/Tucker Film

Leggi le Ultime Notizie >>>