Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > AttualitĂ  > 21 Maggio 2013

Bookmark and Share

Provincia di Trieste: presentati i criteri e le modalità di assegnazione dei contributi pubblici

Palazzo Galatti

Trieste (TS) - La Presidente della Provincia di Trieste, Maria Teresa Bassa Poropat, ha illustrato oggi, insieme agli assessori provinciali Igor Dolenc, Adele Pino, Roberta Tarlao indirizzi, criteri e modalità di assegnazione dei contributi per il 2013. “Per l’anno in corso abbiamo deciso di avvalerci dello schema convenzionale previsto dall’articolo 10 del Regolamento provinciale – ha detto Maria Teresa Bassa Poropat – ritenendolo lo strumento più idoneo per sostenere progetti di istituzioni e associazioni anche a fronte dell’attuale situazione economica che ha visto penalizzare, con una generalizzata diminuzione dei fondi, specie il fronte dei trasferimenti”.

In questo quadro complesso l’Amministrazione si è riservata di intervenire, in casi particolari e specifici, nella realizzazione di progetti proposti da soggetti pubblici e privati senza fini di lucro, operando nel rispetto dei principi statutari, delle funzioni e delle azioni strategiche e curando la salvaguardia degli interessi cui l’Ente attribuisce carattere preminente, conferendo adeguata e precisa cornice all’autonomia selettiva ammessa dall’art. 10 del vigente Regolamento, ovvero tracciando linee di indirizzo, criteri generali e metodi cui esplicitamente attenersi nella individuazione dei progetti da promuovere congiuntamente o coorganizzare nell’annualità 2013.

“Le linee di indirizzo, i criteri generali e i metodi cui esplicitamente attenersi nella individuazione dei progetti da promuovere congiuntamente o coorganizzare nell’annualità 2013 – ha spiegato Bassa Poropat - fanno riferimento ai documenti e agli atti di pianificazione e programmazione dell’ente e cioè lo Statuto della Provincia con i suoi principi legati alla multiculturalità e multi religiosità del territorio, il Programma di mandato, il Piano della prestazione”.

Ecco, nel dettaglio, le principali caratteristiche dei progetti individuate per ogni settore:
Servizi culturali e valorizzazione dei beni del territorio
- progetti destinati a sviluppare l’intervento diretto dei giovani, ovvero la loro partecipazione attiva, nelle diverse forme espressive, alla produzione di cultura;
- progetti destinati a promuovere la valorizzazione e la conoscenza della cultura e della storia del
novecento, nonché l’evoluzione presente nelle diverse forme espressive;
Promozione di eventi di carattere istituzionale
- eventi celebrativi, ovvero collegati a ricorrenze legate alla storia e alla cultura, a giornate dedicate a temi specifici, ad anniversari significativi per la comunità;
- eventi finalizzati alla promozione del dialogo tra le comunità presenti sul territorio, attraverso il sostegno ad iniziative/progetti di ampia rilevanza;
Pari opportunità
- progetti che offrano supporto diretto alle donne attraverso l’attivazione di sportelli, di momenti d’incontro e confronto al fine di promuovere i servizi presenti sul territorio;
- realizzazione di eventi in occasione del 25 novembre “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”;
- realizzazione di pubblicazioni di carattere informativo;
- attivazione di premi che favoriscano le politiche di genere a vantaggio dell’intera collettività;
Sport
- sostegno ad iniziative incentrate sulla tematica dello sport pulito, capaci di coniugare la pratica sportiva, soprattutto nel campo delle discipline cosiddette minori, con il mondo della disabilità, al fine di promuovere l’educazione e l’integrazione delle persone, nonché a quelle iniziative capaci di evidenziare la stretta connessione tra educazione all’attività motoria e sviluppo cognitivo, in particolare nell’età giovanile;
- sostegno alle manifestazioni con positive ricadute sul territorio provinciale in termini economici e sotto l’aspetto del coinvolgimento di larghe fasce di popolazione;
Politiche giovanili
- progetti che promuovono la conoscenza delle memorie del '900;
- occasioni di incontro, confronto e dibattito su tematiche che interessano i giovani;
- progetti di mobilità solidale privata;
- sportelli informativi dedicati ai giovani (Informagiovani);
Politiche formative
- attività progettuale di reti di scuole superiori o che prevedano una trasversalità tra i vari ordini di
scuole;
- iniziative rivolte agli studenti finalizzate a contenere il fenomeno della dispersione scolastica e dell’abbandono anche intervenendo con idonei supporti e azioni orientative.
Agricoltura e tutela della natura
- progetti di sostegno della ruralità intesa come risorsa, quale punto di partenza fondamentale per ogni politica di promozione territoriale, quale espressione di una cultura del territorio, di una tutela delle sue caratteristiche, di salvaguardia di tradizioni uniche
- azioni di sostegno alle tematiche di recupero del patrimonio zootecnico autoctono delle razze a rischio di estinzione
- sostegno a favore di tematiche legate alla produzioni di stampo biologico e dei prodotti tipici al fine di migliorare la qualità degli stessi.

I progetti e le iniziative proposte da soggetti pubblici e privati, devono inoltre rispondere, ad alcuni criteri di carattere generale come la rilevanza sovra comunale, l’essere avviati, anche in parte, in data successiva all’approvazione degli indirizzi stessi, essere espressione di aggregazione, cooperazione e interazione tra soggetti diversi.

Informazioni più dettagliate sono reperibili sul sito della Provincia di Trieste www.provincia.trieste.it


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Provincia di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>