Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > AttualitĂ  > 20 Maggio 2013

Bookmark and Share

Le foto di Cinemazero e i documenti del Centro Studi Pasolini in mostra a Barcellona

Mostra “Pasolini Roma”

Pordenone (PN) - Cinemazero di Pordenone e il Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa confermano il loro importante ruolo nella conservazione della memoria pasoliniana con la presenza di fotografie e documenti dei due rappresentanti regionali alla mostra “Pasolini Roma” al Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona, curata da Jordi Balló, Alain Bergala e Gianni Borgna (23 maggio – 15 settembre 2013). Cinemazero e Centro Studi Pasolini si troveranno al fianco dei più importanti archivi italiani nell’esposizione dei preziosi e multiformi materiali attraverso i quali si è ricostruito il percorso analizzato, che copre gli anni romani dal 1950 al 1975.

Cinemazero possiede l'unico archivio al mondo a rappresentare nella sua totalità le scene del film maledetto “Salò o le 120 giornate di Sodoma”: l’eccezionalità degli scatti non è sfuggita ai curatori della mostra, impreziosita da queste fotografie di assoluta rarità (in particolar modo la parte proveniente dal fondo Bachmann e Beer) che coprono interamente l’opera del poeta. In mostra anche le foto di una scena di ballo scattate da Deborah Beer che alcuni critici interpretarono come inedito secondo finale per “Salò”, un possibile spiraglio di speranza in uno dei film di Pasolini più intriso di nichilismo, nonché ultima opera prima della morte.

Di evidente rilievo scientifico ed espansione internazionale anche la partecipazione del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa, in stretta sinergia con la Soprintendenza Archivistica per il Friuli Venezia Giulia e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che esporrà preziose carte pasoliniane autografe, alcune lettere – tra cui spiccano quella a Ennio Flaiano del 1963 e a Jean-Luc Godard del 1967 – e soprattutto il fascicolo n.2 della serie dei celebri “Quaderni Rossi”.

Proprio la riconosciuta eccezionalità del patrimonio e la competenza dei due centri culturali regionali ne motivano la presenza in progetti espositivi e di ricerca di questa importanza, come dimostra il tour che porterà i preziosi documenti pasoliniani negli altri prestigiosi musei europei che hanno promosso la mostra insieme al Centro di Barcellona, quali la Cinémathèque française di Parigi (ottobre 2013-gennaio 2014), il Palazzo delle Esposizioni di Roma (3 marzo - 8 giugno 2014) e infine il Martin Gropius Bau di Berlino (11 settembre 2014 – 5 gennaio 2015).


INFO/FONTE: Cinemazero / Ufficio Stampa

Leggi le Ultime Notizie >>>