Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 10 Aprile 2013

Presentate in Municipio le “Giornate dell’artigianato del Nord Est - Il mio amico fornaio”

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Promuovere il mestiere de panificatore e il consumo del pane fresco artigianale, valorizzando la riscoperta del gusto, della genuinità e l’altro valore nutritivo del pane quale alimento fondamentale della dieta mediterranea. E’ questo l’obiettivo delle “Giornate dell’artigianato del Nord Est - Il mio amico fornaio”, manifestazione organizzata dai Panificatori della Confcommercio di Trieste in collaborazione con gli assessorati all’Educazione e allo Sviluppo delle Attività economiche del Comune di Trieste, che si terrà da venerdì 12 a domenica 14 aprile, con orario 9.00 – 19.00 in piazza Sant’Antonio.

Il programma dettagliato della manifestazione è stato presentato questa mattina (mercoledì 10 aprile), nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nella sala giunta del municipio, alla quale sono intervenuti tra gli altri gli assessori comunali all’Educazione e allo Sviluppo delle Attività economiche, assieme al segretario generale della Confartigianato locale Enrico Eva e al presidente dei Panificatori di Confartigianato Paolo Fontanot.

Realizzato da CATA FVG nell’ambito delle “Giornate dell’Artigianato del Nord Est” e con il finanziamento della Regione Friuli Venezia Giulia, la manifestazione si rivolge in particolare alle scuole materne e primarie, comunali e statali, con l’obiettivo di favorire la crescita e il coinvolgimento socio educativo (scuola, famiglia, comunità locale), favorendo un approccio consapevole dei bambini verso il cibo, gli alimenti, la salute e il benessere a tavola.

Per questo, venerdì 12 aprile, dalle ore 9.00 alle 12.00, in un’apposita tensostruttura in piazza Sant’Antonio sarà allestito un laboratorio dove le classi dei bambini delle scuole materne ed elementari, accompagnati dai loro insegnati, avranno modo di conoscere e apprezzare i processi della produzione del pane ed acquisire elementi sulla sua origine, oltre che sul suo consumo e sul mestiere del fornaio. Ci sarà anche la possibilità di cimentarsi nella manipolazione d’impasti, già preparati e lievitati, e di provvedere alla loro cottura in forno. Semplici ma interessanti informazioni saranno fornite su farine utilizzate, panificazione e tempi di cottura, con cenni anche sui diversi tipi di pane che contraddistinguono le diverse tradizioni regionali, ma si parlerà anche di grissini e pizza, alimenti molti molto amati da tutti.

La validità della proposta è stata evidenziata anche dall’assessore all’Educazione, che ha sottolineato l’importanza di riportare al centro dell’attenzione dei bambini, ma anche dell’intera cittadinanza, il lavoro del fornaio e il valore del pane. Evidenziando la ricchezza di questo mestiere, anche come opportunità professionale, l’assessore all’Educazione ha confermato inoltre l’intenzione di sviluppare questo progetto, per proseguire in autunno, o nell’ambito di Ricrestate, con l’apertura dei laboratori dei fornai dei rioni e del territorio a bambini, ragazzi e giovani. Parole di stima e apprezzamento per l’iniziativa sono state espresse anche dall’assessore allo Sviluppo e Attività economiche, che ricordato l’importanza di essere vicini ai consumatori, come pure il valore dei prodotti a km zero, non mancando di evidenziare l’evoluzione di un mestiere che continua a mantenere inalterato il suo fascino.

Attivo da due anni, il gruppo Panificatori della Confartigianato Trieste raccoglie 30 imprese della nostra Provincia” -ha spiegato il segretario generale Enrico Eva- che ha ribadito inoltre l’importanza di “avvicinare la cittadinanza, per vedere come viene creato il prodotto artigianale, per capire cosa c’è e cosa sta dietro il pane”. In piazza Sant’Antonio, dal 12 al 14 aprile, -ha aggiunto il presidente Paolo Fontanot- sarà possibile vedere tutto ciò che noi facciamo nei nostri laboratori la notte, si potranno vivere quelle emozioni che affascinano da sempre piccoli e grandi. L’iniziativa avrà un ulteriore fine benefico. Nel corso della manifestazione, con i prodotti sfornati da “Il mio amico fornaio” saranno raccolte offerte, che saranno devolute a favore del Burlo Garofolo.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>