Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > AttualitĂ  > 21 Marzo 2013

Bookmark and Share

"Gaia, che passione!": al via il sesto ciclo di incontri domenicali alla Stazione Rogers

Stazione Rogers

Trieste (TS) - Presentato stamattina "GAIA CHE PASSIONE - dialoghi fra discipline", sesto ciclo di incontri della domenica (alle ore 11) alla Stazione Rogers. Il tema per il 2013 è dedicato a "GAIA" e si articolerà durante l'intero anno con 15 incontri domenicali che si articoleranno tra marzo e novembre con: Benno Albrecht, Silvia Amati, Pippo Ciorra, Maria Grazia Cogliati Dezza, Barbara Della Polla, Khaled Fouad Allam, Antonella Gallo, Mauro Giacca, Filippo Giorgi, Mateo Kriesm, Cosimo Monteleone, Franco Rotelli, Paolo Rumiz, Lucilla Spini, Lella Varesano, Federica Zanco Fehlbaum.

Domenica 24 marzo alle ore 11, primo appuntamento con Lucilla Spini, antropologa esperta di biologia umana, comportamento dei primati nonché di conservazione della biodiversità e di politiche ambientali internazionali. Alla TWAS di Trieste, è Coordinatore delle attività IAP/IAMP (The Global Network of Science Academies / The InterAcademy Medical Panel). In occasione dell’anno intermazionale dell’acqua Lucilla Spini parlerà di Etica e cooperazione alla biodiversità.

GAIA il pianeta vivente cerca l’equilibrio necessario per vivere in pace.
L’omeostasi che accomuna tutti gli organismi viventi, che è la capacità dei sistemi biologici ed ambientali di resistere al cambiamento, di rimanere in condizione di equilibrio è volta a volta messa alla prova dal filtro della selezione naturale.
D’altra parte in “una società che fornisce supporto sociale, assistenza medica, che produce cibo attraverso l’agricoltura e l’addomesticamento degli animali, dove non c’è svantaggio riproduttivo, per chi sbaglia nelle professioni intellettuali, non ci sarebbe ostacolo alla progressiva diffusione delle mutazioni e quindi al peggioramento delle nostre prestazioni intellettive” (M. Giacca).
Anche il principio di costanza regolatore dell’attività psichica incorpora nei propri schemi mentali le richieste dell’ambiente per assimilazione ed accomodamento.

GAIA “dove la visione dell’evoluzione come competizione cruenta cronica tra individui singoli e specie, distorsione della teoria darwiniana della sopravvivenza del più idoneo, si dissolve dinanzi alla visione nuova di una cooperazione continua, di una interazione forte e di una dipendenza reciproca tra forme di vita” (L. Margulis).
Gagarin dalla finestrella della navicella spaziale la vede senza frontiere: “il pianeta è bellissimo, tutto azzurro e turchino, senza frontiere”.

GAIA è l’essenza della natura, la dea della fertilità, la Madre.
Madre di tutti gli dei, madre dei Titani, e fra questi di Atlante, Cronos, Elio, Oceano: chi reggeva il peso del mondo, chi domava la furia delle acque, chi guidava il corso del sole, chi lo scorrere del tempo.

Un ciclo di conversazioni, che fa seguito ai temi della Scienza, della Mano, del Gioco, del Dono, della Cultura fin qui toccati a Stazione Rogers, e che confronta le diverse tessere di un mosaico di intenzioni positive che la nostra coscienza ha già maturato.
Argomenti di architettura, etica, politica, psicologia, scienza, teologia.

Il pogetto, a cura di Gigetta Tamaro e Laura Forcessini, è suddiviso in cinque sezioni: Il sistema vivente, Riflessioni sui comportamenti, Narratività e architettura, La ricerca delle buone pratiche, Riconciliazione.


--------------------


Il sistema vivente
Lucilla Spini, “L’anno internazionale dell’acqua.
Etica e cooperazione alla biodiversità” - 24 marzo
Lella Varesano e Barbara Della Polla,
“Visioni:Hildegard Von Bingen” - 7 aprile
Filippo Giorgi, “Clima tra chimica e biosfera”
14 aprile


Riflessioni sui comportamenti
Khaled Fouad Allam, ”Avere vent’anni a Tunisi e al Cairo” - 5 maggio
Silvia Amati Sas, “Perché accettiamo l’inaccettabile” 19 maggio


Narratività e architettura
Cosimo Monteleone, “La geometria universale
F.L. Wright” - 2 giugno
Mateo Kries, “L’architettura vivente – R. Steiner”
9 giugno
Antonella Gallo, “Il SESC - Fàbrica da Pompeja di Lina
Bo Bardi” - 16 giugno
Federica Zanco Fehlbaum, ”Tra pedregal e natura
feconda – L.Barragan” - 23 giugno


La ricerca delle buone pratiche
Benno Albrecht, “Conservare il futuro” - 29 settembre
Mauro Giacca, “Scenari genetici per la società del futuro” – 6 ottobre
Franco Rotelli, “Prove di cooperazione” - 20 ottobre
Maria Grazia Cogliati Dezza,“Prove di comunità”
27 ottobre


Riconciliazione

Pippo Ciorra, “Re-cycle” – 10 novembre
Paolo Rumiz, “In cammino” - 17 novembre



INFO:
STAZIONE ROGERS
Riva Grumula, 14 - TRIESTE
www.stazionerogers.eu
staff@stazionerogers.eu

Leggi le Ultime Notizie >>>