Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 13 Marzo 2013

Bookmark and Share

Premio letterario internazionale Tiziano Terzani: sabato 16 marzo la proclamazione del vincitore

Vicino/Lontano e Premio Terzani

Udine (UD) - «Vogliamo dare un riconoscimento a chi mostra di voler capire, di voler guardare il mondo con gli occhi curiosi di un bambino: Tiziano non amava i premi. In tutta la sua vita ne ha ritirato uno solo perché era dedicato al "bambino permanente". Per questo il Premio letterario internazionale Tiziano Terzani vuole essere atipico, slegato dalle logiche commerciali». Sono parole di Angela Staude Terzani, moglie di Tiziano e presidente della giuria che ogni anno, per iniziativa dell’associazione culturale Vicino/Lontano di Udine e della famiglia Terzani, assegna questo riconoscimento all’autore di un’opera edita in lingua italiana che affronti un fenomeno del nostro tempo, offrendo un efficace “spaccato di civiltà in mutamento”. Un modo per onorare la memoria del grande giornalista e scrittore che ha raccontato l’Asia agli occidentali in pagine memorabili.

Tiziano Terzani (1938-2004), fiorentino d’oriente e orientale di Firenze, ha vissuto per trent’anni in Asia con la moglie Angela e i figli Folco e Saskia. E’ stato corrispondente del settimanale Der Spiegel da Singapore, Hong Kong, Pechino, Tokyo, Bangkok e Nuova Delhi, da dove ha collaborato anche con la Repubblica, L’Espresso, Il Corriere della Sera. I suoi libri di testimonianza sui grandi eventi della storia asiatica contemporanea hanno avuto un grandissimo successo e sono stati tradotti in molte altre lingue: Pelle di leopardo (1973); Giai Phong! La liberazione di Saigon (1976), La porta proibita (1984); Buona notte, signor Lenin (1992); In Asia (1998). Le pubblicazioni dell’ultima fase hanno un taglio più filosofico-esistenziale: Un indovino mi disse (1995); Lettere contro la guerra (2002); Un altro giro di giostra (2004). Sono usciti postumi: La fine è il mio inizio. Un padre racconta al figlio il grande viaggio della vita (2006); Fantasmi. Dispacci dalla Cambogia (2008).

Assegnato nell’edizione 2012 allo scrittore egiziano Ala al-‘Aswani, e via via, negli anni precedenti a Leslie T. Chang, Umberto Ambrosoli, Ahmed Rashid, Fabrizio Gatti, alla memoria di Anna Politkovskaja, a Jonathan Randal e Francois Bizot, la IX edizione del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani proclamerà il vincitore sabato 16 marzo, a Udine - alle 12 a Palazzo Giacomelli – Museo Etnografico del Friuli, nell’incontro stampa cui interverrà Angela Terzani, insieme al presidente dell’Associazione culturale Vicino/Lontano Alessandro Verona. La giuria 2013 del Premio Terzani è composta da Giulio Anselmi, Toni Capuozzo, Andrea Filippi, Milena Gabanelli, Ettore Mo, Omar Monestier, Paolo Pecile, Valerio Pellizzari, Peter Popham, Paolo Rumiz, Marino Sinibaldi.

L’edizione 2013 del festival Vicino / Lontano è in programma da giovedì 9 a domenica 12 maggio, a Udine. «“Vicino” e “lontano” – commenta il filosofo Pier Aldo Rovatti - non sono soltanto indicatori geografici e multiculturali di una situazione planetaria che deve ormai bruciare le distanze e avvicinare i mondi, comparare le diversità dei discorsi, siano essi economici o filosofici, sociali o esistenziali, alla ricerca di una lingua comune o che possieda qualcosa di comune in grado di orientarci un poco nello spaesamento generale. “Vicino” e “lontano” vorrebbero essere anche una bussola individuale, appunto la condizione critica che ha a che fare con ciascuno di noi e che pone a ciascuno la difficoltà di “abitare la distanza”, insomma – se ci riuscissimo – di non restare schiacciati e inerti sotto il peso della logica mediatica e omologante».

Leggi le Ultime Notizie >>>