Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 16 Marzo 2013

Bookmark and Share

Ai "Lunedì dello Schmidl" riflettori puntati sul compositore triestino Giuseppe Rota

Giuseppe Rota, ritratto ad olio realizzato dal fratello Giovanni nel 1860

Trieste (TS) - È dedicato al compositore triestino ottocentesco Giuseppe Rota il diciassettesimo appuntamento con il ciclo 2012-2013 dei «Lunedì dello Schmidl», in programma lunedì 18 marzo, alle 17.30, presso la Sala “Bobi Bazlen” al piano terra di Palazzo Gopcevich (Via Rossini 4, Trieste). A parlarne sarà Annalisa Sandri, autrice di un volume fresco di stampa per i tipi della Lint Editoriale, frutto di un’appassionata e meticolosa ricerca sui materiali musicali del Fondo Rota del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl”.

Figura centrale della Trieste musicale dell’Ottocento, Giuseppe Rota (1833-1911) fu compositore, maestro concertatore e direttore d’orchestra, ma anche direttore della Cappella Civica di Trieste, teorico, insegnante e abile concertista di pianoforte ed armonium. Dopo la composizione delle prime opere liriche, lasciò Trieste per cercare fortuna nel Regno d’Italia. A Milano ebbe modo di esibirsi in vari concerti, soprattutto di beneficenza, imponendosi come il più applaudito concertista di armonium dell’epoca. A Torino fu accolto in casa Cavour ed alla corte del re Vittorio Emanuele.

Rientrato a Trieste, succedette nel 1859 a Luigi Ricci quale maestro concertatore al Teatro Comunale, incarico che tenne fino alle clamorose dimissioni del 1873, in occasione della prima triestina dell’«Aida», la cui direzione, per volontà dello stesso Giuseppe Verdi, veniva affidata a Franco Faccio. Negli anni successivi, diresse in numerosi teatri la «Mignon» di Charles-Louis-Ambroise Thomas, venendo invitato a dirigere l’opera anche a Parigi.
Personalità eclettica e dai molteplici interessi, Rota fu insignito di numerosi premi ed onorificenze, distinguendosi anche per il suo impegno a favore dei meno abbienti e quale promotore di un metodo, da lui stesso messo a punto, per donare, mediante la musica, l’uso della parola ai sordomuti.

L’ingresso alla manifestazione è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>