Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 26 Febbraio 2013

Bookmark and Share

"Treno della memoria": presentato il progetto che coinvolge gli studenti delle scuole superiori

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Anche quest’anno le amministrazioni provinciale e comunale della nostra città hanno confermato il sostegno all’associazione nazionale Terra del Fuoco per la realizzazione del progetto “Treno della Memoria” – un viaggio intenso nella ‘storia e nella memoria’ con due momenti centrali: le visite guidate all’ex-ghetto ebraico di Cracovia e agli ex-campi di concentramento e sterminio di Auschwitz-Birkenau, cui è dedicata un’intera giornata che si concluderà con una cerimonia di Commemorazione presso il ‘piazzale dell’appello’.

Un viaggio alla scoperta dei luoghi e delle storie delle persone che hanno vissuto il periodo della seconda guerra mondiale, per approfondire le tematiche storico-sociali di un periodo in cui le testimonianze dirette di quei terribili eventi cominciano a scomparire. Vi parteciperanno 172 ragazzi della nostra regione; in questi anni vi hanno aderito oltre 800 giovani del territorio regionale, provenienti dalle Province di Trieste, di Gorizia, di Udine e di Pordenone. Il progetto ha il patrocinio dei Comuni di Muggia, Duino-Aurisina, Sgonico, Monrupino e San Dorligo.

L’iniziativa è stata illustrata stamane a Palazzo Gopcevich dall’assessore comunale all’Educazione Antonella Grim e dall’assessore alle Politiche Giovanili della Provincia Roberta Tarlao, alla presenza dell’assessore alla Cultura della Comunità Ebraica di Trieste Mauro Tabor, del vicesindaco di Duino-Aurisina Massimo Veronese.

La partenza – è stato spiegato - è prevista mercoledì 6 marzo, con una cerimonia di saluto dalla Risiera di San Sabba e il rientro sarà martedì 12 marzo.

Dalle scuole secondarie di secondo grado della nostra città partiranno alla volta di Cracovia 51 ragazzi (delle quinte classi) e 3 professori, grazie al concreto contributo di Provincia e Comune di Trieste, che prenderanno parte al viaggio rispettivamente con l’assessore comunale all’Educazione Antonella Grim e con il consigliere provinciale Majda Canziani. Gli istituti che aderiscono con i loro studenti al Progetto sono: Volta, Galilei, Petrarca, Carducci/Dante, Deledda, Galvani, Da Vinci/De Sandrinelli, Oberdan, Slomsek e Ziga Zois.

L'assessorato alle politiche giovanili della Provincia di Trieste da molti anni sostiene questo progetto che consente ai giovani di conoscere ed approfondire alcuni tra gli episodi più significativi della storia del 900 del Friuli Venezia Giulia. "Con il Treno della Memoria - ha detto Roberta Tarlao - i ragazzi vivono una sorta di contatto diretto con le vicende storiche attraverso i testimoni e i luoghi della memoria, patrimonio dell'umanità che va custodito e tramandato alle future generazioni".

La partecipazione del Comune di Trieste rientra nel quadro delle progettualità didattiche di approfondimento storico e di educazione civica che l’Assessorato all’Educazione sta proponendo alle scuole e ai giovani della nostra città, in collaborazione con l’ Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione del FVG.
“Proprio in una terra che è stata così fortemente segnata dai tragici avvenimenti del secolo scorso – afferma Antonella Grim - dobbiamo fornire ai nostri ragazzi gli strumenti per costruirsi una consapevolezza storica e civica per affrontare le sfide della cittadinanza europea. Inoltre, la specifità del progetto del Treno della Memoria è quella di poter, ancora per poco tempo probabilmente, ascoltare le voci dei testimoni, affinché poi siano proprio i nostri ragazzi a diventare sentinelle della libertà e della tolleranza”.

Il Progetto del Treno della Memoria è uno spazio di conoscenza, un viaggio che va dalla Storia alla Memoria, dalla Testimonianza all’Impegno: queste quattro parole chiave sono alla base di tutte le attività educative che vengono proposte ai ragazzi per realizzare quelli che sono gli obiettivi del progetto. Il percorso del viaggio, che ha come mèta la città di Cracovia e i campi di concentramento e sterminio di Auschwitz-Birkenau, fornirà ai ragazzi gli stimoli per portare avanti quella riflessione sul rapporto tra scelte individuali, indifferenza, cittadinanza e “passaggio di testimone” generazionale che sono alla base del progetto”.

Quest’anno –è stato detto - si è voluto fornire ai ragazzi, oltre ai laboratori di apprendimento organizzati dall’associazione, un accompagnamento didattico, con due momenti di approfondimento storico in collaborazione con l’IRSMLFVG; inoltre, la Comunità Ebraica di Trieste ha collaborato fattivamente con l’organizzazione del percorso formativo propedeutico al viaggio: nel pomeriggio di mercoledì 27 febbraio, alle 17.30, i ragazzi verranno ospitati nella Sinagoga della nostra città e avranno l’opportunità straordinaria di ascoltare la testimonianza di alcune deportati, tra cui le signore Diamantina Vivante Salonichio e Lucia Eliezer Del Cielo.
Prima della visita alla Sinagoga, è previsto un incontro con un’altra testimone delle deportazioni, la signora Vilma Braini, presso la Risiera di san Sabba, alle 15.30. A questi appuntamenti, parteciperanno anche i ragazzi della provincia di Gorizia.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>