Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 07 Gennaio 2013

Bookmark and Share

Ai "Mercoledì della Fototeca" si parla del cimitero monumentale di Sant’Anna

Palazzo Gopcevich

Trieste (TS) - Mercoledì 9 gennaio 2013, alle ore 17.30, nella sala “Bobi Bazlen” di palazzo Gopcevich (via Rossini 4), nell’ambito del ciclo di conversazioni Interno con figure. I mercoledì della Fototeca & dei Civici Musei di Storia ed Arte, si terrà un incontro su “Il cimitero monumentale di Sant’Anna a Trieste”, a cura di Luca Bellocchi.
Attraverso le vicende storiche e artistiche della città, i volti dei personaggi che hanno fatto le gesta della Trieste emporiale dell'Otto e del Novecento e i monumenti che celebrarono i successi della rampante borghesia triestina dei secoli scorsi, si vuole analizzare la nascita e la crescita della necropoli triestina, inaugurata nel lontano agosto 1825 e, da subito, sede di un vero e proprio museo a cielo aperto per la presenza di notevoli monumenti funebri realizzati da numerosi artisti, sia foresti sia locali.

Lo sviluppo architettonico e quello più squisitamente scultoreo presentano caratteristiche estremamente originali, pur inserendosi nella consolidata tradizione dell'edilizia cimiteriale e della statuaria funebre, sulla base dei ben più celebri esempi dei Cimiteri Monumentale di Milano e del Staglieno a Genova, per restare in Italia, fino a spingersi al più noto cimitero parigino di Père Lachaise.

Luca Bellocchi, storico dell’arte, si è laureato presso l’Università degli Studi di Trieste in Storia dell’Arte Medievale e Moderna con una tesi sulla scultura cimiteriale triestina, e in Storia Moderna con una tesi sul soggetto iconografico della Dormitio Virginis.
Insegnante nella scuola secondaria, svolge anche attività di didattica e consulenza scientifica per i Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste e presso il Civico Museo Revoltella, e ha partecipato all’allestimento di mostre artistiche e fotografiche.
È autore di numerosi saggi di storia dell'arte e storia apparsi su riviste specializzate.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>