Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Mostre > Friuli Venezia Giulia > TS > Trieste

Bookmark and Share

Glassdressing 2006

Glassdressing 2006

Dopo aver conquistato il pubblico internazionale di Venezia in visita alla prestigiosissima sede di Ca’ Rezzonico (ancora visitabile, sino al 9 ottobre p.v.), l’esposizione finale dei gioielli in vetro realizzati dai progettisti selezionati e vincitori di “glassdressing”, il settimo Concorso Internazionale di Design Trieste Contemporanea 2006, approderà al Civico Museo Revoltella di Trieste, dove si inaugurerà il 21 ottobre prossimo, alle ore 18.00, con l’attesissima cerimonia di premiazione.

In linea con la pluriennale attività del Comitato Trieste Contemporanea, che da anni mantiene un attivissimo ruolo nella promozione di iniziative culturali legate all’area dell’Europa centro orientale al fine di accrescerne la visibilità presso un pubblico curioso ed attento, l’esposizione è organizzata in coproduzione con la Scuola del Vetro Abate Zanetti di Murano e in collaborazione con il Civico Museo Revoltella e i Civici Musei Veneziani, con il patrocinio dell’ INCE-Iniziativa Centro Europea, della Regione del Veneto, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Venezia, della Provincia di Trieste, del Comune di Venezia e del Comune di Trieste; con l’adesione dell’Associazione Piazza S. Marco di Venezia. Glassdressing è inoltre realizzata grazie al sostegno fondamentale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, che assieme all’ INCE-Iniziativa Centro Europea, alla Fondazione CRTrieste, alla Provincia di Venezia, alla Fondazione BEBA e agli sponsor iGuzzini illuminazione Spa e Videonew di Trieste supporta l’iniziativa, caratterizzata quest’anno anche dalla partecipazione della rivista DROME magazine come media partner.

A distanza di un paio d’anni, la sede del Museo Revoltella torna ad ospitare le creazioni realizzate per il Concorso e ad l’offrire l’autorevole riconoscimento ad un’importante manifestazione nata a Trieste che ha visto crescere il proprio prestigio internazionale di anno in anno. Degli oltre 200 progetti inviati da 22 paesi europei alla segreteria di Trieste Contemporanea, assieme a quelli dei premiati, saranno esposti anche i gioielli di un folto gruppo composto dai progettisti che la giuria del Concorso ha ritenuto opportuno segnalare: Marina Bologni, Alessandro Calogero, Milan Deliyski, Ines Paola Fontana, Ida Grimaldi, Manuela Maria Marazzani, Tomoko Sakai, Antonio Terranova, Osvaldo Tiberti, Annamaria Zanella, i gruppi composti da Roberta Bratovic/Nina Bacun/Tina Izevic, Francesca De Grossi/Izumi Oki, e Francesca Schäffer/Sayuri Eguchi/Giuseppe Ardu.

Protagonisti assieme ai progettisti selezionati saranno inoltre una rosa di prestigiosi artisti invitati fuori concorso a presentare le loro inedite creazioni: Antonio e Mario Dei Rossi, maestri di eccellenza nella tecnica delle murrine, il veneziano Gaetano Mainenti, gli artisti del vetro Andrea Morucchio e Maria Grazia Rosin, Marina e Susanna Sent ed infine Giorgio Vigna, uno dei più noti designer italiani, che hanno realizzato i gioielli in collaborazione con i Maestri vetrai di Murano.

Momento centrale della serata inaugurale sarà però la cerimonia che premierà i vincitori provenienti da Repubblica Ceca, Germania, Macedonia e Italia, che quest’anno potevano contare su un significativo ampliamento dei premi posti in palio.

Grazie infatti all’ingresso dell’ INCE-Iniziativa Centro Europea nella rosa degli enti sostenitori è stato possibile attribuire per la prima volta in quest’edizione il “Premio INCE per il progettista proveniente da uno dei paesi INCE non membro dell’Unione Europea”, meritatamente assegnato alla macedone Marija Hristovska che con “Ice or fire” ha realizzato una particolarissima collana.

Anche la generosità della Provincia di Venezia ha permesso che quest’anno venisse premiato il miglior progettista proveniente dalla città lagunare, assegnato per l’occasione a Barbara Paganin per la sua curiosa spilla in argento e vetro intitolata “Fiore di luce”.

L’importante contributo di 2000 euro della Fondazione CRTrieste ha permesso di riconoscere il giovane talento triestino di Massimo Premuda, autore di “Egiziaca” un personale omaggio ad usi e costumi degli antichi egizi, mentre la Fondazione Beba di Venezia ha assegnato il proprio riconoscimento per il più giovane progettista al ceco Martin Necas, autore del singolare monile “Splendid tear”.

Infine il premio più importante, quello assegnato al miglior progettista in assoluto, che con un notevole incremento di valore, quest’anno Trieste Contemporanea assegnerà ai due vincitori ex-aequo: Markéta Váradiová (Repubblica Ceca), per l’estroso “Jewel for Heating” e Michael Geldmacher (Germania) per l’originale interpretazione di un tradizionalissimo “filo di perle” intitolato “L’onda e le perle”.

Durante la cerimonia sarà presentato il filmato realizzato da Gaetano Mainenti e Daniela Manzolli intitolato “glassdressing”, che vede come protagoniste alcune modelle impegnate ad indossare i gioielli esposti e i costumi ideati da Fiora Gandolfi, accompagnate dalle musiche originali del compositore veneziano Cesare D’Este.

A corredo dell’esposizione l’editore triestino Juliet ha pubblicato un catalogo a cura di Eva Fabbris ampiamente illustrato e contenente, oltre ai diversi contributi di studiosi ed esperti - tra cui l’interessante excursus sulla storia del gioiello in vetro di Puccio Migliaccio - le schede dei progetti selezionati e vincitori.

Glassdressing 2006
Museo Revoltella
Via Armando Diaz 27
Trieste
TS
Dal 21/10/06 al 20/11/06

Per maggiori informazioni
Email: revoltella@comune.trieste.it
Sito web: http://www.museorevoltella.it

Vedi Calendario Mostre >>>

in calendario