Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Mostre > Friuli Venezia Giulia > TS > Trieste

Bookmark and Share

Silvano Clavora: "Espressioni carsiche"

Opera di Silvano Clavora

Dal 13 aprile al 18 maggio 2018, al Palazzo del Consiglio Regionale di Trieste (piazza Oberdan 6), è allestita la mostra personale del pittore Silvano Clavora, intitolata "Espressioni carsiche", che sarà introdotta - venerdì 13 aprile alle ore 13.30 - dall’architetto Marianna Accerboni. La rassegna, corredata da un catalogo, propone più di una cinquantina di lavori, tra cui molti inediti, realizzati dall’artista secondo varie tecniche e dedicati esclusivamente al Carso: dal figurativo d’inclinazione tradizionale dipinto a olio su faesite negli anni sessanta, al materico a tecnica mista degli anni Duemila, orientato sempre più verso l’informale.

Pittore poliedrico e sperimentatore inesauribile, attraverso l’evoluzione del proprio linguaggio Clavora offre al fruitore in un percorso consequenziale e coerente, molteplici ed efficaci interpretazioni dell’essenza di questo paesaggio speciale, dalle energie segrete, che l’artista riesce efficacemente a tradurre nelle prove più mature in una sorta di bassorilievo.

La mostra resterà aperta fino al 18 maggio 2018.

"Il Carso con i suoi molteplici aspetti e umori, le sue brume e gli abissi di luce, il rosso brillante del sommaco e i toni verdi della bella stagione, le algide cave, le sue acque segrete, - scrive Marianna Accerboni - ha rappresentato per anni, dagli esordi dell’artista ai nostri giorni, una delle tematiche predilette e più sentite da Silvano Clavora, pittore estremamente poliedrico e sperimentatore fantasioso e inesauribile.
L’evoluzione del suo linguaggio, dal figurativo d’inclinazione tradizionale realizzato a olio su faesite negli anni sessanta al materico a tecnica mista degli anni Duemila, orientato sempre più verso l’informale, ha abbracciato in modo continuativo il Carso, offrendo al fruitore molteplici interpretazioni dell’essenza di questo paesaggio speciale, dalle energie segrete e unico per certe caratteristiche della flora.
Specificità che l’artista, grazie al suo intuito e alla sua sensibilità, ha saputo cogliere brillantemente, ideando nel corso del tempo più versioni stilistiche e interpretative dei luoghi: visioni giovanili delicate e neoromantiche, che negli anni Settanta rammentano certe finezze dell’Art Nouveau o toccano varie corde dell’Espressionismo; o figurazioni oniriche come la splendida “Dama bianca” degli anni Ottanta oppure opere ad acrilico che negli anni Novanta testimoniano una molteplice sperimentazione in direzione del Divisionismo e che col passare del tempo si fanno a volte giocose e spesso ingegnose. Come quando, alla fine degli anni Novanta, dipinge ad acrilico su cristallo le forme carsiche, lasciando alcune zone prive di colore e quindi trasparenti, sì da poterle modificare a piacere del fruitore e con la sua interazione, grazie all’apposizione sul retro di cartoni colorati diversi…come dire, un quadro per ogni stagione e per ogni stato d’animo.
Sono opere sempre intense e luminose, che testimoniano la ricerca e il raggiungimento del traguardo della sintesi da parte di Clavora, che le ha volute raggruppare sotto il titolo di Espressioni carsiche".

"Attraverso una cinquantina di lavori, tra cui molti inediti, - conclude Accerboni - l’autore riesce a raccontare l’amato paesaggio carsico, traducendone infine, dopo il Duemila, la fisicità in una sorta di bassorilievo materico che interpreta e ci restituisce, mediante le sue aspre concrezioni, il concetto d’energia insito in queste terre. Clavora sottolinea inoltre con vigore le asperità e le specificità di questo altopiano speciale grazie alle rifrazioni di luce che dalla tridimensionalità di tali “bassorilievi” contemporanei si dipartono, enfatizzate nelle prove più recenti anche dal rapporto tra bianco e nero, divenuto nel frattempo l’accostamento cromatico preferito dall’artista".

Silvano Clavora: "Espressioni carsiche"
Palazzo del Consiglio Regionale
Piazza Oberdan, 6
Trieste
TS
Orario - Ingresso: da lunedì a giovedì 9.30-12.30 e 14.30-17.30, venerdì 9.30-13
Dal 13/04/18 al 18/05/18

Vedi Calendario Mostre >>>

in calendario