Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Appuntamenti > Incontri & Tempo Libero > Friuli Venezia Giulia > TS > Trieste

Bookmark and Share

S/paesati - Eventi sul tema delle migrazioni: "Identità plurali, Europa e dintorni"

Foto Ufficio Stampa Teatro Miela / Bonawentura

Riprende martedì 14 novembre al Teatro Miela al “ridottino”,  la rassegna "S/paesati - Eventi sul tema delle migrazioni" con il secondo appuntamento dedicato all’Europa. Alle 18.00 l’incontro "EUROPA AL PRESENTE E AL FUTURO - Capitolo 2" , in cui ci confronta sull’identità europea, analizzando le problematiche attuali e immaginando soluzioni per il futuro. Appuntamento con l'antropologa Roberta Altin (Università di Trieste), e la slavista Natka Badurina (Università di Udine), e con lo storico Giacomo Todeschini (Università di Trieste), Giorgio Rossetti, già parlamentare europeo (Associazione Dialoghi Europei). 

Alle ore 21.00 (in replica mercoledì alle ore 19.30) proponiamo lo spettacolo teatrale cult delle ultime due stagioni che ha avuto un grande successo con 45 repliche e edizioni televisive regionali e transfrontaliere, "Come diventare sloveni in 50 minuti" di Sabrina Morena, Martina Kafol, Martin Lissiach, Daniel Dan Malalan, con lo straordinario attore Daniel Dan Malalan e l’esilarante partecipazione in video Alessandro Mizzi (video) e alla fisarmonica Boštjan Zavnik.
La lingua, le tradizioni e le abitudini degli sloveni sono diventati materia di uno spettacolo divertente e autoironico, nato su iniziativa della regista Sabrina Morena. La forma è quella dello slide-show, molto diffuso soprattutto in ambito anglosassone: una combinazione di immagini e parole, proiezioni e recitazione dal vivo.

Il progetto originario si è sviluppato come lavoro autoriale d’équipe, al quale hanno contribuito oltre alla regista anche Martina Kafol, Martin Lissiach e Daniel Dan Malalan. Alessandro Mizzi partecipa alla realizzazione come attore ospite nei contributi video e ha contribuito allo spettacolo con la sua vena umoristica e l’esperienza cabarettistica. La colonna sonora dal vivo è a cura del fisarmonicista Bostjan Zavnik.

Gli spettatori impareranno quali siano le feste, le tradizioni e le istituzioni di fondamentale importanza per la comunità slovena nella nostra regione, ma anche il corretto utilizzo e pronuncia di alcune parole, per evitare imbarazzanti o comici equivoci. Il riadattamento spiritoso e attualizzato di miti sloveni, diversi vademecum per il corretto utilizzo di osmize e centri commerciali sloveni, consigli per una maggiore comprensione reciproca in situazioni quotidiane, non da ultimo anche consigli grammaticali, sono soltanto alcuni capitoli nella ricca serie di scene nelle quali lo spettatore locale si riconoscerà facilmente, divertendosi quindi ancora di più.

Lo spettacolo è dedicato a tutti quelli che vogliono conoscere la cultura slovena e agli Sloveni delle varie latitudini che voglio ne ridere di se stessi. Per questo parla sia degli sloveni in Italia che di quelli d’oltreconfine, anche perchè le peculiarità degli uni o degli altri sono molto specifiche.

Di questo piacevolissimo lavoro in un gruppo particolarmente affiatato e divertito, la regista ha detto: "Tutti i coautori sono persone che sono nate e vivono in questo territorio e conoscono molto bene la prospettiva bilingue. Ci siamo divertiti con stereotipi, equivoci, sempre nel segno di un confronto positivo tra due culture".
Lo spettacolo è bilingue e quindi fruibile da tutti senza bisogno di sottotitoli.

Produzione Associazione culturale S/paesati e Glasbena Matica in collaborazione con Primorski Dnevnik e Slofest.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Teatro Miela / Bonawentura

S/paesati - Eventi sul tema delle migrazioni: "Identità plurali, Europa e dintorni"
Teatro Miela
piazza Duca degli Abruzzi, 3
Trieste
TS
Dal 14/11/17 al 15/11/17

Per maggiori informazioni
Sito web: http://www.miela.it

Vedi Calendario Appuntamenti >>>

in calendario