Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Gusti di frontiera 2017 - XIV edizione
centro città
Gorizia
Dal 21/09/17
al 24/09/17
Gusti di frontiera 2017
Libri: "Perchè ci attaccano" di Laura Quadarella Sanfelice di Monteforte
Circolo della Stampa - sala "Paolo Alessi"
Trieste
Il 22/09/17
Laura Quadarella Sanfelice di Monteforte
Salotto del Gusto: “Ricettario Mitteleuropeo. Cucina nel cuore d’Europa” di Suor Antonija Orsolina
Salotto del Gusto
Gorizia
Il 22/09/17
“Ricettario Mitteleuropeo. Cucina nel cuore d’Europa” di Suor Antonija Orsolina

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/16
al 31/12/17
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/16
al 31/12/17
Purcit in Staiare Purcit in Staiare
centro cittadino
Artegna (UD)
Dal 01/01/16
al 31/12/17

 

Mostre > Friuli Venezia Giulia > TS > Trieste

Bookmark and Share

“Micro Digitale” di Glauco Rozmann

“Micro Digitale” di Glauco Rozmann

Dal 29 giugno al 23 luglio 2017, alla Sala Comunale d’Arte di piazza dell’Unità 4, è allestita la mostra “Micro Digitale”, personale dell'artista triestino Glauco Rozmann. L'esposizione è visitabile tutti i giorni, a ingresso gratuito, con orario feriale e festivo 10-13 e 17–20.

“Per spiegare perché il pittore e incisore Glauco Rozmann, in questa nuova mostra, usi una tecnica cosi innovativa e inconsueta – osserva il critico Flavio Girolomini - ripercorreremo brevemente la storia della stampa: già nell'antichità gli artisti pensarono di riprodurre diverse copie di una loro opera usando le tecniche di stampa. Dapprima usarono la xilografia, nata in Oriente prima del X secolo e importata in Europa nel XIII (incisione a rilievo); poi il bulino e l'acquaforte, scoperti nel Rinascimento e arricchitisi di numerose varianti nei secoli successivi (incisione a incavo); infine usarono l'incisione in piano, prima, a fine Settecento, con la scoperta della litografia, successivamente con la serigrafia, un'antichissima tecnica orientale affermatasi in Occidente nel secolo XX, dove si rinnova anche per l'influenza della fotografia. Nell'ultima parte del Novecento c'è stato l'avvento dell'era digitale, moderna rivoluzione tecnologica che ha contagiato molte attività artistiche e viene oggi usata in tutti i campi, dalla musica alla fotografia, dalla pittura alla scultura, dal teatro al cinema, dando origine a una nuova branca, l'arte virtuale, e consentendo nuovi metodi di stampa e una riproduttività infinita.
Anche Glauco Rozmann, influenzato dalle grandi possibilità di questa tecnologia, ha pensato di dare un nuovo sviluppo alla sua precedente attività artistica presentando i propri quadri in un modo inconsueto attraverso l'uso di scanner e stampe micro digitali: in fondo, nell'arte, fantasia e inventiva sono da sempre valori fondamentali”.

Glauco Rozmann, nato a Trieste nel 1948, fin da bambino vedendo il padre che era un artigiano pittore decoratore, impara a convivere con i colori e tecniche varie. Fortemente attratto dalle arti figurative, si è avvicinato al disegno e alla pittura a olio da autodidatta, fin da ragazzo. Negli anni ‘70 ha partecipato a un corso triennale d’acquaforte tenuto dal maestro Giorgio Ferletti ricevendo un attestato d’elogio a fine corso. Contemporaneamente ha frequentato un corso annuale di figura presso l’Associazione Artistica Regionale (1973-74). Successivamente ha approfondito la grafica frequentando, dal 1989 al 1998, la Scuola Libera dell’Acquaforte ”Carlo Sbisà” dell’Università Popolare, diretta da Mirella Schott Sbisà, dove ha ricevuto il riconoscimento di miglior allievo dell’anno 1993-94.

Attività: opera nell’ambito della pittura contemporanea da quasi cinquant’anni. Nel corso del tempo, dalla primitiva pittura a olio, utilizzando tecniche miste e in leggero rilievo, ha elaborato un proprio stile materico marcatamente improntato all’informale. Analogamente nell’acquaforte, attraverso tecniche miste (acquatinta, cera molle, morsione aperta) e stampando con tre o quattro colori sovrapposti, usa sempre il linguaggio informale. Ha partecipato dagli anni ‘60 a numerosissime mostre collettive e extemporanee a Trieste e dintorni e anche all’estero ricevendo vari premi e segnalazioni. Ha esposto le proprie opere in diverse mostre personali a Trieste, in particolare alla Galleria “La Sfera” nel 1980 e nel 1982; una di queste, con l'intervento della critica d’arte Renata Letizia Cargnelli, venne ripresa dall’emittente televisiva Telequattro. Nel 2001 ha tenuto una personale a Mogliano Veneto (TV) presso il Teatro “Astori”. Ha esposto le proprie grafie al Caffè “Stella Polare” di Trieste con una mostra d’acqueforti allestita dall’artista Claudio Sivini. Un’altra mostra d’opere calcografiche è stata ospitata dalla galleria di via Piccardi dove erano presenti altri tre artisti. Nel 2003 ha esposto nell'allora sala dell’A.I.A.T. (Agenzia d’informazione per il turismo), in via San Nicolò 20. Da alcuni anni è insegnante ai Corsi di “disegno e pittura” dell’Università della Liberetà di Trieste. È presente nel “Dizionario degli Artisti di Trieste, dell’Isontino, dell’Istria e della Dalmazia” pubblicato dal critico d’arte Claudio H. Martelli per Hammerle Editori nel 2001 e 2009. Ultimamente segue i suoi allevi nei percorsi artistici e, come fondatore del gruppo “Amici dell’Arte”, partecipa a varie manifestazioni artistiche (ex tempore, piccole mostre personali, collettive). La sua attività si allarga anche in Slovenia, Croazia e Austria.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

“Micro Digitale” di Glauco Rozmann
Sala comunale d'arte
piazza dell'Unità d'Italia, 4
Trieste
TS
Orario - Ingresso: tutti i giorni 10-13 e 17-20
Dal 29/06/17 al 23/07/17

Per maggiori informazioni
Sito web: http://www.retecivica.trieste.it

Vedi Calendario Mostre >>>

in calendario